Tag page

Ansa
Dispositivi farlocchi costati un patrimonio, mediatori impropri e fornitori sospetti. Gli errori dell'ex commissario sono stati evidenti e ora sono al vaglio dei magistrati.
Ansa
  • Dpi farlocchi, banchi a rotelle, terapie intensive: Domenico Arcuri ha toppato in ognuno dei (troppi) incarichi ricevuti. Si faccia chiarezza sul suo operato: i contribuenti hanno diritto di sapere come sono stati spesi i loro soldi.
  • Invitalia è funestata da costose grane legali. E l'ad è in rotta con il Mediocredito.

Lo speciale contiene due articoli.

Domenico Arcuri (Ansa)
Alla fine, Mario Draghi ha ringraziato Domenico Arcuri e gli ha indicato la porta. Da oggi, il commissario Covid non è più l'amministratore delegato di Invitalia, ma il suo posto è stato preso da Francesco Paolo Figliuolo, un generale degli alpini, comandante logistico dell'esercito, ossia una persona abituata non solo alle emergenze (ha guidato la missione in Afghanistan e le forze Nato in Kosovo), ma anche all'organizzazione.

Le dimissioni di Arcuri arrivano in ritardo, non certo per colpa del nuovo presidente del Consiglio, ma semmai del suo predecessore, che avrebbe dovuto rimuoverlo già da molto tempo. I lettori della Verità sanno quante volte abbiamo messo in luce gli errori di colui che avrebbe dovuto difenderci dalla pandemia. Già a maggio dello scorso anno raccontammo prima di altri la mancanza di dispositivi di protezione nelle farmacie e la speculazione in corso attorno al prezzo. Domenico Arcuri, dopo aver dichiarato che le mascherine non erano indispensabili, alla fine si convinse e annunciò che sarebbero state rese disponibili a 50 centesimi. Ma, alla prova dei fatti, si scoprì che nessuno le aveva e di fronte al suo fallimento il commissario all'emergenza non trovò di meglio che attaccare i farmacisti, accusandoli di averle nascoste. Una sceneggiata già di per sé grave, ma questo fu solo l'inizio, perché poi vennero molti altri scivoloni. La promessa di una produzione italiana di dispositivi di protezione si risolse in una beffa, perché le mascherine continuarono ad arrivare dalla Cina e poi, ma ne parleremo presto, si scoprì come. Dopo di che si passò ai banchi a rotelle, miracolosi pezzi di arredamento che avrebbero da soli dovuto garantire il distanziamento sociale nelle scuole. Una nostra inchiesta dimostrò che alcuni dei vincitori delle gare della struttura commissariale guidata da Arcuri erano impossibilitati a produrre i banchi promessi. Una delle aziende aveva un solo dipendente e pure in cassa integrazione, ma avrebbe dovuto consegnare nell'arco di un mese centinaia di migliaia di tavoli semoventi. Una pagliacciata messa in atto mentre ci si dimenticava di provvedere, non solo all'acquisto di dispositivi per la misurazione della febbre da collocare in ogni scuola insieme con i detergenti per sanificare gli ambienti, ma anche ad aumentare i mezzi di trasporto per studenti e dipendenti. Non è finita: prima che giungesse la seconda ondata di coronavirus, Arcuri assicurava di essere intervenuto per aumentare i posti letto di terapia intensiva degli ospedali italiani, riuscendo a essere smentito in diretta dai medici rianimatori, che di brande e respiratori avevano visto solo una minima parte di quelli necessari. Nel pieno del contagio autunnale, si scoprì poi che il commissario all'emergenza era in ritardo sull'acquisto delle ambulanze, sui bandi per assumere nuovi medici, su quasi tutto fosse necessario a fronteggiare l'emergenza. Quanto abbiamo appena elencato, in un Paese normale avrebbe dovuto indurre il capo del governo a rispedire Arcuri là da dov'era venuto, ma nonostante l'evidenza degli errori, Giuseppe Conte non ha mosso un dito, riconfermando la fiducia nell'uomo che aveva messo al comando di tutti gli interventi anti Covid, in particolare del piano vaccinale. I risultati li abbiamo sotto gli occhi ogni giorno, perché dopo il trionfalismo iniziale che aveva fatto sostenere ad Arcuri e compagni che l'Italia era prima in Europa per numero di persone vaccinate, abbiamo via via indietreggiato nella classifica, fino a diventare uno degli ultimi Paesi europei per immunizzati. Colpa delle aziende, ha detto il commissario: faremo causa, ma di citazioni in giudizio non abbiamo visto l'ombra, così come non si sono visti i frigoriferi per conservare le dosi, i tendoni per vaccinare gli italiani, le siringhe necessarie. Insomma, un disastro, che però Arcuri, con una buona dose di arroganza, difendeva nelle conferenze stampa senza mai deflettere.

Ma il flop manager, un boiardo di Stato passato indenne fra mille governi e mille maggioranze, ha dovuto fronteggiare il caso delle centinaia di migliaia di mascherine comprate in Cina, che hanno generato una provvigione di decine di milioni a un gruppo di strani intermediari, uno dei quali proprio in contatto con Arcuri. La Verità è stato il primo giornale a svelare l'affare miliardario. In perfetta solitudine, abbiamo raccontato i particolari di un'inchiesta sconosciuta al grande pubblico, minacciati a ogni articolo da querele dello stesso Arcuri. Dopo settimane in cui abbiamo descritto gli incredibili risvolti dell'operazione, la Procura ha deciso di sequestrare i proventi accumulati e già investiti in barche, gioielli, auto e moto di lusso, bloccando anche conti correnti milionari. Una persona è stata arrestata e altre sono state indagate e interdette. Il commissario si è dichiarato estraneo a tutto ciò, anzi parte lesa. Forse si è fidato della persona sbagliata, avendo avuto con lui un migliaio di contatti telefonici in poche settimane. La domanda che ci siamo rivolti fin dal principio e che forse si è posta anche Mario Draghi è semplice: può un ingenuo, uno che non si è accorto di essere stato usato per poter piazzare un colpo da un miliardo, con un guadagno da 70 milioni, rimanere a occuparsi con pieni poteri della salute degli italiani? La nostra risposta è stata da subito no, e a quanto pare anche quella del presidente del Consiglio. Al quale, dopo averlo ringraziato per essere intervenuto, abbiamo da porre una seconda domanda: può un ministro della Salute che, invece di predisporre le misure per evitare una seconda ondata del virus scrive un libro sui suoi successi, rimanere al proprio posto? Aspettiamo un'altra risposta, possibilmente in tempi brevi.

Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings