Mattarella vuole un nome o si vota a ottobre


  • Dall'incontro tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio non esce il nome del presidente del Consiglio. I grillini insistono sul loro capo, tra i candidati «terzi» spuntano anche giornalisti. Al Quirinale si aspettano un profilo per lunedì ma intanto si accarezza il dossier urne dopo un passaggio tecnico.
  • Nel programma tanto deficit e ballano le coperture. Senza tagli alla spesa resta la possibilità di sforare. Sgambetto del Cav : «Dove trovano i soldi?»
  • Sciolti gli ultimi nodi del contratto. La Lega blinda la stretta su clandestini e islam radicale. Sì a politiche contro la precarietà lavorativa. Oggi voto on line su Rousseau.

Lo speciale contiene tre articoli.

Massimiliano Fedriga (Ansa)
Il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga: «Finalmente il governo ci ha ascoltato, la presenza della Lega si sente. Anche per le imprese regole certe che consentano di ripartire. Ora bisogna allentare il coprifuoco».
Castristi con un mezzo da sbarco catturato alla Baia dei Porci (Getty Images)

Nel linguaggio militare americano, il tentato sbarco del manipolo di esuli cubani di sessant'anni fa sarebbe stato definito come "S.N.A.F.U." (o situation normal all fouled up), vale a dire un'operazione militare fallita per una serie di errori grossolani e ampiamente evitabili. Era il 19 aprile 1961 quando gli ultimi membri della Brigada Asalto 2506 alzarono le mani e si arresero ai castristi. La sconfitta causò un terremoto nella nuova amministrazione Kennedy e una conseguente rivoluzione nei vertici dei Servizi Segreti statunitensi.

Continua a leggere Riduci
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti

Nuove storie

Trending Topics

Change privacy settings