Il Regime in Redazione in edicola con La Verità e Panorama

Default Theme
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Il premio Strega 2013 sul suo ultimo saggio, «Contro l'impegno»: «Saviano, Murgia, Carofiglio sono esponenti di una vera corrente. Privilegiano temi considerati “buoni" dalla sinistra democratica e così riducono la letteratura a megafono di idee già conosciute».
Walter Siti: «Mi irritano i nuovi scrittori mainstream»
Change privacy settings
Articles By Author
Marina Terragni: «Zan ha il terrore di noi femministe. Fermiamo la sua legge liberticida»
Ansa
La giornalista, in prima linea per i diritti delle donne: «L’autocertificazione di genere, che prescinde dall’apparato genitale, è un obbrobrio. La resistenza è globale, ma in Italia chi si oppone viene zittito»
L’acqua di Fukushima si diluirà nell’oceano. Allarmisti da social fatevene una ragione
(DigitalGlobe via Getty Images via Getty Images)
Riparte il vespaio per la scelta giapponese di smaltire in mare il liquido usato sui reattori danneggiati. Ma non c'è alternativa.
Dico «pulizia etnica», ma senza cattiveria
Maurizio Gasparri (Ansa)
La mia affermazione riguardo Maurizio Gasparri era solo enfasi parolistica, accompagnata dall'aggettivo «intellettuale» fra parentesi. Avevo anche detto di voler inseguire Luigi Di Maio con una roncola, se è per questo. Ho solo una idiosincrasia per i «Capitan Fracassa».

La risposta di Maurizio Belpietro: «Caro Antonello, ovviamente tu sei libero di pensare di Maurizio Gasparri, come di qualsiasi altro politico, ciò che vuoi, e pure di scriverlo. E di certo non mi metterò io a discutere dei torti e delle ragioni del senatore di Forza Italia, il quale credo sia abituato alle critiche e anche alle repliche. Tuttavia, permettimi di dirti una cosa: per spiegare che la frase in cui dicevi che Gasparri suscita in te un desiderio di «pulizia etnica (intellettuale)» non era da prendere alla lettera, perché scherzavi, non c'era bisogno di scrivere una pagina. Bastava una riga: scusate, ho scritto una cazzata. Succede anche ai migliori».