I Castro fanno finta di passare il testimone a El Lindo. Ma la polizia politica resta cosa loro

True
  • Giovedì Raùl uscirà di scena lasciando la presidenza. Favorito alla successione è Miguel Díaz-Canel, definito negli Usa la faccia civile dalla dittatura militare. Fedelissimo della dinastia, promette il cambiamento, che però è soltanto di facciata.
  • La situazione della libertà di opinione sull'isola, una delle mete turistiche preferite dalla sinistra chic, non cambierà. A nulla è servita neppure l'apertura di Barack Obama: proprio durante la sua storica visita, finirono in manette 50 dissidenti delle Damas de blanco.
  • La sfida più importante per il nuovo leader sarà risolvere la questione della doppia moneta. Tuttavia, qualsiasi sia la soluzione a rimetterci saranno sempre gli stessi: i cittadini cubani.

Lo speciale contiene tre articoli.

INFOGRAFICA

Federico D'Incà (Ansa)
Sceneggiata dei grillini: minacciano di non votare la fiducia. Poi l'allarme rientra, ma ora gli alleati sono preoccupati
Ansa
I sondaggi volano e gli avversari sono divisi, eppure sulle candidature per Roma e Milano si perde tempo I nomi di Guido Bertolaso e Gabriele Albertini sono stati quasi bruciati e qualcuno parla di primarie: non un buon segno
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti

Nuove storie

Trending Topics

Change privacy settings