Stefano Graziosi
In primo piano

Di Maio esulta per il finto embargo ai turchi

Ansa

Ue fantasma sulla crisi in Siria. Il consiglio dei ministri degli Esteri non va oltre la «condanna» dell'attacco di Ankara contro i curdi. Mentre sullo stop alle armi ognuno fa come vuole: i giallorossi si accoderanno a Francia e Germania, anche se non servirà a nulla.
In primo piano

Erdogan invade la Siria. E Putin approva

Getty Images

Primi raid turchi sulle città al di là del confine: «Portiamo la pace e combattiamo il terrorismo». Damasco e Teheran criticano, mentre Mosca fa da mediatrice. Un indebolimento delle milizie curde potrebbe non dispiacere al Cremlino e allo stesso Assad.
In primo piano

Trump lascia la Siria alla Turchia. Erdogan minaccia l’Ue con i migranti

Ansa

Gli Usa si ritirano: «Guerra tribale, i curdi sono stati ripagati per l'aiuto dato contro l'Isis». Ankara è pronta a invadere il Nord del Paese. Bruxelles si oppone, ma è impotente: il Sultano ci ricatta con migliaia di profughi.
In primo piano

Il via libera Ue al glifosato fa felici i tedeschi

Per la Corte di giustizia dell'Unione l'erbicida più discusso al mondo non è cancerogeno. Molti studi dicono che può causare tumori e vari Paesi lo stanno limitando. Ma la Germania ha sempre votato per autorizzarne l'uso. Promuovendo il colosso Bayer.
In primo piano

La salute non aiuta il perdente Sanders

Contenuto esclusivo digitale

Ansa

Bernie Sanders è sempre più in difficoltà. Il senatore del Vermont è stato ricoverato in un ospedale di Las Vegas per occlusione a un'arteria, dopo aver accusato dolori al petto nel corso di un evento della campagna. Gli sono stati inseriti due stents e sarebbe attualmente in buone condizioni. Per il momento, i prossimi appuntamenti elettorali risultano tutti sospesi.

In primo piano

Trump fissa la batosta dazi per l'Europa. Vedremo quanti miliardi toccheranno a noi

Contenuto esclusivo digitale

Ansa

L'Organizzazione mondiale del commercio ha appena dato il via libera a pesanti dazi statunitensi su un'ampia lista di beni di importazione europea come ritorsione ai sussidi illegali ricevuti dal colosso Airbus. Il giro d'affari complessivo a essere colpito sarà di circa 7,5 miliardi di dollari, nonostante la richiesta originaria di Washington fosse di 11,2 miliardi. Bruxelles, dal canto suo, ha già reso noto di essere pronta per una rappresaglia commerciale, sebbene i tempi di reazione potrebbero rivelarsi particolarmente lunghi.

In primo piano

I giovani in piazza contro i potenti ricevono l’applauso di tutti i potenti

Ansa

  • In migliaia sfilano per il clima, elogiati dal solito giro di sinistra. Fu così anche con i no global, poi arrivarono gli sfasciavetrine.
  • A Firenze lo sciopero è obbligatorio. All'istituto Ghiberti la preside fa chiudere la scuola a metà mattina. Ma a molti non è piaciuto l'invito di Lorenzo Fioramonti a giustificare le assenze: «Non compete al ministro».

Lo speciale comprende due articoli.