Campagna choc contro l’utero in affitto: vele a Roma. «Mattia non è un prodotto da vendere o regalare. Appello a Salvini» - La Verità
Home
In primo piano

Campagna choc contro l’utero in affitto: vele a Roma. «Mattia non è un prodotto da vendere o regalare. Appello a Salvini»

notizieprovita.it

Bambini dentro i barattolini. Da oggi, martedì 9 luglio, e per 15 giorni, numerosi camion vela stanno girando per Roma con un'immagine choc contro l'utero in affitto e il suo "mercato" molto redditizio.

«È la nostra denuncia agli orrori di questo commercio e contro il business dell'affitto di uteri e compravendita di ovuli. Come il nascituro anche le madri surrogate e le cosiddette "donatrici" di ovociti sono vere e proprie vittime di questo mostruoso sistema che deve finire. Il bambino non è un prodotto né un oggetto da vendere o da regalare», hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita & Famiglia e del Congresso mondiale delle Famiglie proprio nel momento in cui cresce un forte e chiaro no allo sfruttamento dei bambini e della donna, ridotta "a forno a legna", da parte del mondo femminista e della leader della Cisl oltre che di tutto un fronte mondiale trasversale.

«Guardate la vera faccia della cosiddetta maternità surrogata. È necessario che gli italiani si chiedano, di fronte alle pretese al "diritto di filiazione", se tale desiderio rispetta il diritto del minore a non essere sfruttato come un oggetto dei desideri tra un Suv e una vacanza alle Bahamas. Abbiamo visto, con lo scandalo di Bibbiano, l'ossessione di avere un figlio a tutti i costi in cosa può degenerare», hanno poi proseguito.

E con l'amministrazione capitolina polemizzano: «Avevamo previsto anche delle affissioni nella Capitale ma le concessionarie contattate, per paura di un intervento sanzionatorio da parte del Comune di Roma come già successo, si sono tirate indietro. Il sindaco Virginia Raggi ha il coraggio di concentrarsi contro il vero degrado, sia morale che cittadino, o preferisce discriminare i bambini e ignorare la solidarietà nei confronti degli indifesi?».

E in conclusione «lanciamo un appello al ministro dell'Interno Matteo Salvini che, con forza, si è sempre battuto contro l'utero in affitto e per garantire una mamma e un papà ai bambini», affermano Brandi e Coghe, «affinché emani un provvedimento che impedisca le trascrizioni anagrafiche alle coppie dello stesso sesso. Servono politiche che rispettino il sacrosanto diritto di ogni bambino ad avere una mamma e un papà, per questo abbiamo lanciato una petizione pubblicata sul nostro sito www.notizieprovita.it».

In primo piano

«Non scendo in pista per fuggire il male ma per sconfiggerlo davanti a tutti»

Facebook

Rachele Somaschini, la campionessa di rally che lotta da anni contro la fibrosi cistica: «Basterebbe un po' di conoscenza per non infliggerla agli altri».
In primo piano

Avati racconta il demonio che è in noi: «Potere e invidia scatenano il male»

Ansa

Il Signor Diavolo, nuovo film del regista che uscirà il 22 agosto, è un ritorno al filone gotico del passato. «C'è anche il tema del sacro. Una volta i preti parlavano di peccato, oggi non lo fa nessuno. Neanche il Papa».
In primo piano

L’Ue secondo Onfray: «Uno Stato totalitario degno di Orwell»

Ansa

Il filosofo eretico è tornato: «L'Europa di Maastricht combatte libertà, storia e verità. Macron? Vuole il popolo in catene».
In primo piano

I vescovi cattolici chiedono che Tafida non resti ostaggio della sanità inglese

John Sherrington, presule responsabile sui temi della vita di Inghilterra e Galles, preme per mandare la bimba al Gaslini.
In primo piano

Le false accuse di molestie dello psicologo contro l'ex collega innocente

iStock

  • Assolta l'operatrice di una comunità di Asti che secondo Hansel e Gretel aveva abusato di una minore. Il racconto: «Pensavamo fossimo tutte lesbiche. Vedeva violenze ovunque».
  • Jacopo Marzetti: «Servono tutori volontari privati che vigilino sul sistema degli affidi».Il Garante dell'infanzia del Lazio e commissario del Forteto sarà nella squadra speciale promessa da Alfonso Bonafede: «Oggi controllato e controllore coincidono. A volte i servizi sociali non applicano le sentenze».

Lo speciale comprende due articoli.

In primo piano

Il terapeuta dei bimbi di Bibbiano accusato di maltrattare i suoi figli

iStock

Gli inquirenti si basano su alcune sulle intercettazioni di «Angeli e demoni». Il gip: «Personalità violenta e impositiva». Ma lui attacca: «Chi discute l'immagine sacra della famiglia diventa bersaglio di rabbia cieca».
In primo piano

Francesco riscende in campo per la Siria

Ansa

Il Papa chiede a Bashar Al Assad di «mettere fine alle sofferenze del popolo». Pietro Parolin: «Nessun intento politico, solo urgenza di soluzioni praticabili per la pace». Voci dall'Argentina: Ratzinger offrì all'«avversario» Bergoglio la Segreteria di Stato. Ma sono «fantasie».
In primo piano

Pure l’Abi smentisce i profeti di sventura: lo spread non incide sui mutui per la casa

iStock

Gli ultimi dati: il costo del credito per le famiglie è ai minimi. Ma il vero nodo resta l'accesso: serve la fiducia nel futuro.
In primo piano

Depositate le intercettazioni su Siri. Incredibile: gli «omissis» si leggono

Ansa

  • Nei nuovi dialoghi, Paolo Arata millanta pressioni su Silvio Berlusconi, Enrico Letta e il cardinal Raymond Leo Burke per piazzare il leghista. Ma nelle carte spunta la beffa: le parti da secretare, perché riguardano un senatore, si possono consultare.
  • E sui 30.000 euro avevamo ragione. Anche nel materiale diffuso ieri non c'è traccia del virgolettato del boss dell'eolico riportato più volte dai media. Restano invece le solite vanterie dell'imprenditore.

Lo speciale comprende due articli.