Campagna choc contro l’utero in affitto: vele a Roma. «Mattia non è un prodotto da vendere o regalare. Appello a Salvini»

Campagna choc contro l’utero in affitto: vele a Roma. «Mattia non è un prodotto da vendere o regalare. Appello a Salvini»
notizieprovita.it

Bambini dentro i barattolini. Da oggi, martedì 9 luglio, e per 15 giorni, numerosi camion vela stanno girando per Roma con un'immagine choc contro l'utero in affitto e il suo "mercato" molto redditizio.

«È la nostra denuncia agli orrori di questo commercio e contro il business dell'affitto di uteri e compravendita di ovuli. Come il nascituro anche le madri surrogate e le cosiddette "donatrici" di ovociti sono vere e proprie vittime di questo mostruoso sistema che deve finire. Il bambino non è un prodotto né un oggetto da vendere o da regalare», hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita & Famiglia e del Congresso mondiale delle Famiglie proprio nel momento in cui cresce un forte e chiaro no allo sfruttamento dei bambini e della donna, ridotta "a forno a legna", da parte del mondo femminista e della leader della Cisl oltre che di tutto un fronte mondiale trasversale.

«Guardate la vera faccia della cosiddetta maternità surrogata. È necessario che gli italiani si chiedano, di fronte alle pretese al "diritto di filiazione", se tale desiderio rispetta il diritto del minore a non essere sfruttato come un oggetto dei desideri tra un Suv e una vacanza alle Bahamas. Abbiamo visto, con lo scandalo di Bibbiano, l'ossessione di avere un figlio a tutti i costi in cosa può degenerare», hanno poi proseguito.

E con l'amministrazione capitolina polemizzano: «Avevamo previsto anche delle affissioni nella Capitale ma le concessionarie contattate, per paura di un intervento sanzionatorio da parte del Comune di Roma come già successo, si sono tirate indietro. Il sindaco Virginia Raggi ha il coraggio di concentrarsi contro il vero degrado, sia morale che cittadino, o preferisce discriminare i bambini e ignorare la solidarietà nei confronti degli indifesi?».

E in conclusione «lanciamo un appello al ministro dell'Interno Matteo Salvini che, con forza, si è sempre battuto contro l'utero in affitto e per garantire una mamma e un papà ai bambini», affermano Brandi e Coghe, «affinché emani un provvedimento che impedisca le trascrizioni anagrafiche alle coppie dello stesso sesso. Servono politiche che rispettino il sacrosanto diritto di ogni bambino ad avere una mamma e un papà, per questo abbiamo lanciato una petizione pubblicata sul nostro sito www.notizieprovita.it».

Le pressioni per un ministro del Mef che non scontenti gli amici americani
Giulio Tremonti (Ansa)
Agli States l’unica cosa che sta a cuore è che l’Europa compatta mantenga le sanzioni contro Mosca. Washington insiste per avere un ministero dell’Economia che garantisca continuità su questo tema.

Il commento di Silvana De Mari

Gli incontri segreti per avere un utero in affitto
Beppe Sala (Ansa)
Nella città nella quale Beppe Sala riconosce i figli arcobaleno, la gestazione per conto terzi è già realtà. A fissare appuntamenti informativi in albergo è una compagnia californiana. Tutto a portata di clic anche se la pratica è illegale e non si può nemmeno pubblicizzare.
Il verbale choc che svergogna i Benetton
Ansa

L’uomo forte della famiglia (non indagato) parla ai pm sul crollo del Morandi. Svela un incontro del 2010. Già allora si sapeva di un difetto del ponte: «I tecnici erano perplessi che potesse stare su». Poi dice: «Chiesi se un ente esterno avesse certificato la sicurezza. Mi dissero che ce la autocertificavamo con Spea. Rimasi terrorizzato». E che fece? Nulla, se non lasciare Atlantia.

Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings