Carlo Cambi
In primo piano

Pamela, l’orrore è a porte chiuse: uccisa a coltellate e fatta a pezzi viva

Ansa

Smentita la morte per overdose della ragazza trovata in due trolley. Mentre in tribunale sfilano le immagini agghiaccianti, il nigeriano Oseghale non guarda e i genitori della giovane piangono tenendo il capo chino.
In primo piano

Ho visto le fotografie del corpo di Pamela ridotto in tanti pezzi. Sembra magia nera

Ansa

Oggi in aula gli scatti del cadavere smembrato della ragazza. Ecco che cosa contengono quelle immagini raccapriccianti.
In primo piano

Via il segreto di Stato: si saprà l’origine del latte

Ansa

Una sentenza obbliga alla trasparenza sui prodotti agroalimentari che vengono importati in Italia. Coldiretti esulta e chiede al ministero della Salute di passare subito all'azione. Per il commercio selvaggio ai danni dei pastori sardi è un primo freno.
In primo piano

«Oseghale ha fatto a pezzi Pamela da viva»

Ansa

  • Il supertestimone Vincenzo Marino ricostruisce al processo la mattanza compiuta sulla diciottenne: «L'africano iniziò a sezionarla da un piede e lei emise dei lamenti. Lui la finì e la mutilò». Alla base del raptus la reazione della ragazza all'abuso sessuale.
  • La seconda udienza sembra aver trascurato il tema della criminalità «nera». Eppure a chiamarla in causa ci sono le minacce voodoo. E dalla Germania arriva una richiesta di comparare episodi simili.

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

Com’è umano il Pd che querela i terremotati

Ansa

Il sindaco di Pesaro Matteo Ricci, ex renziano, minaccia di denunciare un'abitante di un borgo marchigiano devastato dal sisma per una lite sulla gestione dei fondi per la ricostruzione. E ora i primi cittadini della zona insorgono: «Porta in tribunale anche noi».
In primo piano

Se la mafia è nigeriana, non esiste. Però i pentiti dicono il contrario

Ansa

Il Pg di Ancona: «Quello di Pamela non è stato un delitto rituale». Ma il collaboratore di giustizia Vincenzo Marino può smentirlo. Intanto, sempre nelle Marche, un processo contro i clan africani va in prescrizione.
In primo piano

«Se parla della mafia nigeriana il pentito non viene più protetto»

Ansa

  • Dopo la lettera alla Verità della moglie del teste contro Innocent Oseghale, l'avvocato che lo ha seguito si rivolge alla Procura per sapere perché i giudici non abbiano predisposto adeguate misure per la sua incolumità.
  • Un alunno di colore reso zimbello «per mostrare l'orrore delle discriminazioni». Il ministero: «L'insegnante è stato sospeso».
  • Nel Bresciano, gli alunni di una scuola media dovranno sorbirsi l'indottrinamento su «diritti e doveri dei migranti» e «i pregiudizi circolanti sulle loro terre d'origine».

Lo speciale contiene tre articoli

In primo piano

«Non testimonierò più su Oseghale». Il carnefice di Pamela può cavarsela

Ansa

Tolto il regime di protezione al collaboratore di giustizia che ha fatto luce sulla mafia nigeriana e sulla morte della ragazza. La moglie scrive alla Verità: «Ci minacciano e abbiamo paura. Lo Stato ci ha abbandonato».
In primo piano

Il consumo di olio crolla di un quarto. Eppure l’Italia continua a importarlo

Contenuto esclusivo digitale

iStock

  • In cinque anni l'uso è passato da 12 a 9 chili a testa. Ne va della dieta Mediterranea. Intanto il prezzo sale del 31% e le scorte calano a 185.000 tonnellate.
  • La Xylella è un regalo dell'Europa, ormai pare certo. I mancanti o quanto meno allegri controlli sulle merci d'importazioni nei porti del Nord Europa hanno provocato il contagio.
  • La crisi del comparto è una crisi di identità, di mercato, di domanda, di disorganizzazione del settore che pure vien ampiamente finanziato e che ha alcuni protagonisti inamovibili come l'Unaprol, come Federolio.

Lo speciale contiene tre articoli

In primo piano

Prima udienza per la morte di Pamela. La Dia avverte: c’è la mafia nigeriana

Ansa

Inocent Oseghale a processo per la morte della diciottenne fatta a pezzi e nascosta in due valigie. Nello stesso giorno l'antimafia pubblica il rapporto annuale, evidenziando la crescita delle cosche gestite da africani.