Tag page

In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Change privacy settings
iStock
  • Proteste in piazza, crisi sociale e una longa manus iraniana attraverso Hezbollah. Il Libano ha un nuovo esecutivo e vive un clima rovente: Beirut è stato teatro di scontri pesantissimi (300 feriti) e il governo guidato da Hassan Diab non gode del favore popolare.
  • Città antiche, rovine di epoca romana e lussuose località sciistiche attirano un numero sempre maggiori di turisti. E sempre più compagnie aeree servono la città di Beirut.
  • Dalla grotta di Jeida alla Vergine di Hanassa, cinque luoghi da non perdere durante il vostro viaggio.
  • Le Gray è il primo hotel creato dal rinomato albergatore Gordon Campbell Gray in Medio Oriente. Il design classico e moderno seduce sia chi viaggia per affari che per piacere.
  • Le Royal Hotel Beirut è un vero e proprio resort con ristoranti d'eccezione, un parco acquatico e la sontuosa spa affacciata sul Mediterraneo.

Lo speciale contiene cinque articoli e gallery fotografiche.

Informazioni utili

Città antiche, rovine di epoca romana e lussuose località sciistiche sono solo alcune delle meraviglie che il Libano offre ai suoi visitatori. Un tempo conosciuto come la Francia del Medio Oriente, questo paese è sempre più amato dai turisti di tutto il mondo. Raggiungerlo non è mai stato così facile. Sono sempre di più le compagnie aeree che servono Beirut, collegando la capitale con l'Europa, l'Africa, l'Asia e il resto del Medio Oriente.

La nostra compagnia di bandiera, ma anche low cost come Ryanair e Pegasus offrono voli - tendenzialmente con uno scalo - a meno di 200 euro. Ai viaggiatori di nazionalità italiana, cosi come a tutti i visitatori stranieri, viene richiesto un visto d'ingresso che è possibile ottenere all'arrivo direttamente in aeroporto oppure ai confini terrestri presentando il proprio passaporto. Attenzione però che questo non abbia un timbro di Israele. Questi visti consentono una permanenza di 15 giorni e sono rinnovabili. Il visto può essere ottenuto anche anticipatamente presso l'ambasciata del Libano in Italia e consente una permanenza di 90 giorni.

L'aeroporto di Beirut si trova a soli 5 km dal centro cittadino ed è facilmente raggiungibile in autobus o in taxi. Il Libano è un paese piccolo e per percorrerlo nella sua interezza ci vogliono tre ore circa. I taxi collettivi - che effettuano percorsi prestabiliti come gli autobus - sono il metodo più economico e sicuro per spostarsi da un capo all'altro del Libano. Noleggiare un'automobile non è solo molto costoso, ma poco sicuro viste le cattive condizioni delle strade e la guida spericolata degli autisti locali (in Libano non esiste un codice stradale). Ogni giorno ci sono anche pullman che partono dalla stazione Charles Helou di Beirut diretti in Siria oltre a collegamenti per Damasco, Aleppo e Lattakia.

Cosa vedere

Il palazzo di Beiteddine

Questo palazzo - uno dei tesori del Libano - è stato costruito nel corso di 30 anni a partire dal 1788. Casa di Bashir Shihab II, le leggende narrano che l'emiro fece amputare la mani dell'architetto che costruì Beiteddin Palace perché non duplicasse mai il suo lavoro. Il palazzo è organizzato intorno a tre diversi cortili. L'ampio cortile esterno di forma rettangolare allungata, era destinato agli incontri pubblici e agli eventi. Lo affiancano gli appartamenti destinati agli ospiti. Sul fondo del cortile c'è una doppia scalinata che sale all'ingresso del cortile centrale. Su questo si affacciano curiosi balconi di legno con i vetri schermati che consentivano agli abitanti di osservare gli arrivi senza essere visti. L'accesso all'appartamento privato e all'harem di famiglia è segnalato dai rilievi di un volto stilizzato e due mani che coprono gli occhi: un invito alla discrezione. La porta monumentale d'ingresso, con i suoi intarsi di marmo colorato è uno dei punti più affascinanti del palazzo, come i mosaici e le sculture dalla sala ricevimenti.

La grotta di Jeita

Situata a 20 chilometri da Beirut, questa grotta è costituita da due grotte calcaree, gallerie superiori e una caverna inferiore attraverso la quale scorre un fiume. Geologicamente la grotta fornisce una galleria o via di fuga per il fiume sotterraneo. In questa grotta l'azione dell'acqua nella roccia calcarea ha creato una cattedrale, con volte piene di stalattiti e stalagmiti di forme, dimensioni e colori diversi, maestose cortine e fantastiche formazioni rocciose. La lunghezza totale della grotta è più di 9000 m e contiene una tra le più grandi stalattiti al mondo, di 8,20 m.

Torre di Claudio

Alle porte della città di Faraya sei possono ammirare le rovine di una torre monumentale, nel cuore delle montagne libanesi. L'edificio ora è parzialmente crollato, si trova sul lato occidentale del Monte Libano, su una cima chiamata Faqra e si presenta come un cubo di circa 16 per 16 metri, alto poco più di 10 metri. Ma considerando la sua ampia base e il numero di pietre impiegate, era probabilmente molto più alto quando fu costruito nel 43 d.C. Sono ancora visibili solo i resti di due iscrizioni sopra e a destra della porta e dedicano l'altare all'imperatore romano Claudio e al dio Beelgalasos.

Tempio di Bacco

Il santuario dedicato al dio del vino (il cui culto era molto diffuso nel Vicino Oriente antico) è il tempio romano meglio conservato al mondo. Realizzato durante l'impero di Antonino Pio, su progetto di un architetto rimasto sconosciuto, presenta un perimetro delimitato da quarantadue colonne corinzie, diciannove delle quali sono ancora in piedi, a reggere la trabeazione riccamente decorata. Nella cella interna ci sono molte rappresentazioni della nascita e della vita di Bacco.

Nostra Signora del Libano

Questa statua è un importante luogo di pellegrinaggio cristiano maronita e si trova nel santuario si Harissa, a 20 chilometri di Beirut. Il complesso della Madonna del Libano ad Harissa attira milioni di musulmani e cristiani da tutto il mondo e nel 1997 è stata anche visitata da Papa Giovanni Paolo II. Anche per i meno religiosi, la gigantesca statua della Vergine, bianca figura che troneggia dall'alto della collina con le braccia aperte e rivolta verso il mare, dà un effetto di grande suggestione.

Ancient Roman temple of Bacchus with surrounding ruins and blue sky in the background, Bekaa Valley, Baalbek, Lebanon

Le Gray

Le Gray ha da poco aperto nel rinato centro storico di Beirut. L'hotel del gruppo The Leading Hotel of the World è la prima struttura creata dal rinomato albergatore Gordon Campbell Gray in Medio Oriente. Il design classico e moderno, opera dell'architetto Kevin Dash, con interni ariosi e raffinati disegnati da Mary Fox Linton e dallo stesso Campbell Gray, offre un lusso raffinato e ampie camere e suite per chi viaggia per affari o per piacere.

Altrettanto eleganti sono i bar e i ristoranti, che propongono salutare cucina mediterranea, cocktail favolosi serviti nelle terrazze sull'attico e un bar che dà sulla strada. Inoltre, la posizione è ottima, a pochi passi da tutte le principali attrazioni e luoghi di interesse della città. Le Gray si trova infatti sulla storica Piazza dei Martiri, a pochi passi dal quartiere degli affari e dallo shopping di lusso.

La spa PureGray offre diversi trattamenti ristorativi, creati in collaborazione con il brand di skincare spagnolo Natura Bissé, per un'esperienza olistica capace di unire le filosofie occidentali e orientali. Fiore all'occhiello è la palestra, dove una serie di personal trainer vi aiuteranno a raggiungere i vostri obiettivi di fitness.

Le Royal Hotel Beirut

Le Royal Hotel Beirut sorge su una collina in posizione dominante sul Mediterraneo. L'hotel - che andrebbe definito un vero e proprio resort - ha ricevuto numerosi riconoscimenti per le eccellenti strutture per la ristorazione, il benessere e il divertimento. Il complesso del gruppo Lhw vanta una vista strepitosa del Mediterraneo, e, durante i mesi estivi, l'apertura dell'adiacente parco acquatico WaterGate (il più grande del Medio Oriente).

I ristoranti, tra cui il raffinato Titanic e lo Shahrayar, che serve piatti tipici libanesi, offrono intrattenimento dal vivo durante il fine settimana e una cucina superlativa. Gli ospiti in viaggio per affari trarranno vantaggio dall'ufficio a disposizione, l'accesso Internet WiFi e il piano Club con lounge privata. Tra le attrazioni imperdibili nei dintorni si annoverano il vivace centro cittadino, la Grotta di Jeita e l'antica Biblo. Nei dintorni, gli impianti sciistici, i centri commerciali, le chiese storiche e le avventure di eco turismo accrescono il fascino di questa destinazione.

La The Royal Spa è rinomata per offrire prodotti e trattamenti all'avanguardia. Un'enorme vetrata che affaccia sul mare Mediterraneo fa da sfondo a un complesso a più piani, dove è possibile godere di una piscina coperta, due jacuzzi, una sauna, un bagno di fango e un hammam dall'autentica tradizione turca.