Il Regime in Redazione in edicola da oggi con La Verità e Panorama

Default Theme

Omofobia, Pro Vita & Famiglia: «Zan non cerchi pretesto, con sua legge vuole in realtà introdurre il gender»

Omofobia, Pro Vita & Famiglia: «Zan non cerchi pretesto, con sua legge vuole in realtà introdurre il gender»
Alessandro Zan (Ansa)

«Per il deputato Pd, Alessandro Zan, serve una legge contro l'omofobia. Ma non si vergogna? Condanniamo l'aggressione avvenuta a Valle Aurelia, la persona che ha posto in essere quegli atti violenti contro la coppia gay è da punire con tutte le aggravanti già riconosciute dal codice penale, rischiando quindi fino a 16 anni di carcere. Ma non sia questo il pretesto per leggi liberticide che vogliono introdurre il gender sotto mentite spoglie e indottrinare così i nostri figli». È quanto ha dichiarato Toni Brandi, presidente di Pro Vita e Famiglia dopo l'ennesima dichiarazione del deputato dem.

«Aspettiamo poi le indagini del caso, sperando di non scoprire che il movente omofobo sia falso come è accaduto in passato diverse volte» ha concluso la nota di Pro Vita e Famiglia.

La Svizzera punisce le auto elettriche
Auto elettriche in ricarica sullo Chasseral nel bernese (IStock)
Dopo averle incentivate, il governo confederale vuole limitarne l’uso a spesa e lavoro Il motivo? Consumano troppa energia, quindi in tempi di crisi diventano un problema.
Enasarco mette piede in BancoBpm. Contrappeso delle quote francesi
Giuseppe CAstagna, ceo di BancoBpm (Imagoeconomica)
Gli agenti di commercio deliberano l’acquisto delle azioni. Sinergie con Crédit Agricole.
Agenti robot con licenza di uccidere. La polizia da incubo secondo i dem Usa
(IStock)
San Francisco, capitale liberal, apre all’utilizzo di sistemi telecomandati dotati di esplosivo da fare scoppiare a distanza in caso di pericolo per gli umani. Un approccio simile a quello dei droni, con le stesse criticità etiche.
Non abortisce: le portano via il bambino
(Istock)
Ragazzina sinti tradita dai servizi sociali. Dopo essere rimasta incinta ed essersi rifiutata di interrompere la gravidanza, la tredicenne non può riconoscere il figlio. A differenza del padre biologico, che è sotto inchiesta per avere abusato di lei.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings