Lo sbarco sulla Luna ci ha regalato cure mediche migliori e super materassi - La Verità
Home
In primo piano

La toga comunista che difende la figlia Br col sussidio di Stato

Ansa

Il racconto di Luciano Violante: il padre della brigatista era controverso anche fra i magistrati. Scarcerò il Canaro e difese Abdullah Ocalan. Il suo nome era in una nota di Potere operaio per «impostare politicamente» i processi.
In primo piano

Anita scampò a tutto. Non alla malasorte

Wikimedia Commons

La moglie di Giuseppe Garibaldi è la più celebre delle donne del Risorgimento che hanno combattuto per la libertà. Catturata dall'esercito, fuggì con il figlio al collo. Lasciò il Brasile per Montevideo, poi si precipitò in Italia per partecipare alle rivolte, ma morì di febbre.
In primo piano

Non c’è solo Anita. Altre in punta di piedi hanno combattuto per il Risorgimento

WikimediaCommons

Nobildonne, popolane, intellettuali: tante donne si sono spese con grande coraggio, anche se la storia non ha reso loro merito.
In primo piano

Un futurista eroe di Fiume tra pistole, pugni e donne dai «sessi spudorati»

Gettyimages

Esce il «Poema» che il grande Filippo Tommaso dedicò all'impresa di D'Annunzio. Un canto d'amore per il «patriottismo illegale» che ha animato la città dei sogni.
In primo piano

La seconda guerra mondiale doveva scoppiare cinque giorni prima

Il primo settembre si ricordano gli 80 anni dall'invasione della Polonia. Adolf Hitler aveva pianificato l'attacco per il 26 agosto ma all'improvviso congelò tutto alla ricerca di un accordo con Italia, Francia e Inghilterra.
In primo piano

L’uomo che ha sconfitto il comunismo ci insegnò che la storia non era finita

Ansa

A trent'anni dalla Rivoluzione di velluto, il Meeting di Cl dedica una mostra a Václav Havel, dissidente e poi presidente ceco. La fine dei totalitarismi non ha risolto il problema della libertà. E nessun sistema potrà farlo.
In primo piano

Manson, il folle che scoprì fragile l’America

Ansa

Il massacro in cui morì Sharon Tate è presente da 50 anni nella memoria collettiva, aiutata dall'uscita dell'ultimo film di Quentin Tarantino in cui l'eccidio è cornice costante. Motivo: segnava la contrapposizione tra un gruppo di scappati di casa e il jet set hollywoodiano.
In primo piano

L’oblio sugli eroi dei sommergibili italiani

Giphy

Una serie tv è dedicata al glorioso U-612 tedesco, immortalato dal film del 1982 di Wolfgang Petersen. Ci piacerebbe che qualcuno ricordasse, un giorno, anche le gesta dei nostri uomini, che vissero per mesi nei mari in condizioni terribili e sacrificarono la vita sotto le bombe.