Forteto, Pro Vita & Famiglia: «Noi tra i primi a denunciare. Certa politica faccia ammenda»

Forteto, Pro Vita & Famiglia: «Noi tra i primi a denunciare. Certa politica faccia ammenda»
Ansa

«Giustizia è fatta. E ora la politica dem, che sul Forteto non si mai è unita al coro di denunce, faccia ammenda. Solo nel 2017, il Pd fiorentino aveva previsto uno stand della cooperativa alla Festa dell'Unità quando il fondatore Rodolfo Fiesoli era stato già condannato in appello a 15 anni e 10 mesi per abusi sessuali. Scelte scellerate che gridano vendetta e che oggi richiedono un mea culpa e delle scuse» hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita & Famiglia, dopo la conferma da parte della Cassazione della condanna del fondatore della comunità Forteto, Fiesoli, a 14 anni e 10 mesi di carcere per maltrattamenti e violenza sessuale anche su minori. «I nostri lettori più affezionati conoscono la brutta storia del Forteto, comunità di abusi e di orrori da sempre denunciata dalla nostra associazione. Pro Vita, appena nata, aveva lanciato una delle sue prime petizioni, poi presentata alle autorità competenti, per chiedere chiarezza sulla vicenda e per preservare i minori da ulteriori abusi e far tornare i bambini alle famiglie» hanno continuato Brandi e Coghe. "Quello che sconvolge è che, in attesa della sentenza definitiva, una parte della politica abbia scelto la strada del silenzio come nel caso di Bibbiano» hanno concluso Brandi e Coghe.

«Io, socialista, apprezzo il governo Meloni»
Brunello Cucinelli (Ansa)
Lo stilista Brunello Cucinelli, a Pitti per presentare la nuova collezione uomo, loda il premier: «Ha ridato credibilità al nostro popolo, tra i più grandi manifatturieri al mondo». E la forza del Paese è confermata anche dai successi di Lubiam e Superga.
«Datemi i quadri trovati al Lingotto»
Margherita Agnelli (Ansa)
Eredità Agnelli, Margherita chiede la restituzione delle opere scovate dalla Gdf nel caveau Fca a Torino: «Perché sono lì?». La replica: non ha diritti sulle tele.
Oro all’ovvio: niente Olimpiadi all’atleta trans
Lia Thomas (Getty Images)
La nuotatrice (nata uomo) Lia Thomas ha perso la causa legale e non potrà essere a Parigi. Finora aveva stracciato le avversarie per via della muscolatura virile. La sentenza è una sconfitta per tutti: Cio e federazioni, femministe e giornalismo in salsa woke.
Dopo il successo della prima stagione torna su Sky «House of the Dragon»
«House of the Dragon» (Sky)

House of the Dragon , la cui prima stagione ha stregato circa ventinove milioni di spettatori a episodio, è il racconto di come la dinastia Targaryen si sia avviata alla fine. Il secondo capitolo dello show debutterà su Sky nella notte fra il 16 e il 17 giugno.

Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings