riforma fiscale

Passa il ddl sull’Intelligenza artificiale: caso unico in Europa. Confermato 1 miliardo per il settore. Pene fino a cinque anni per chi causa «danni ingiusti». Slitta il testo su Ires, Irpef e aiuto una tantum: «È in revisione».
La riforma del fisco arriva al giro di boa
Maurizio Leo e Giancarlo Giorgetti, viceministro e ministro dell'Economia e delle Finanze (Ansa)

L’attuazione della riforma fiscale è a metà strada. Ecco tutti i decreti approvati fin qui in via definitiva dal governo, compreso quello deliberato oggi dal cdm sul riordino del sistema nazionale della riscossione, pensato per velocizzare l’invio delle cartelle esattoriali, ridurre i debiti all’interno del magazzino fiscale e concedere più tempo per pagare i debiti se ci si trova in una situazione di difficoltà economica momentanea.

La manovra riduce l’Irpef per i redditi più bassi e stanzia subito 3 miliardi contro le liste di attesa. Nessun prelievo forzoso dai conti, ma procedure di riscossione più snelle. Nasce la banca dati contro il riciclaggio e il finanziamento del terrorismo.
La delega fiscale capitolo per capitolo
iStock

L’obiettivo della riforma è quello di avere un fisco più semplice, meno penalizzante, che riequilibri il rapporto tra l’Agenzia delle entrate e i contribuenti, al momento sbilanciato a favore dell’Amministrazione fiscale, e che sia indirizzato alla crescita economica del Paese. Dalla revisione di Irpef, Ires e Iva al superamento di Irap e al federalismo fiscale regionale, analizziamo tutti i punti.

In settimana via alle commissioni per i decreti attuativi. A gennaio 2024 semplificazioni, abolizione del maxi acconto di novembre e revisione della no tax area. L’obiettivo è avere due scaglioni entro 24 mesi.
Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings