Rifate il Morandi: meglio i Benetton che lo stallo

Nessuno può sospettarci di voler fare un favore ai Benetton. Quando il ponte Morandi è crollato seppellendo 43 persone, siamo stati i primi a raccontare chi ci fosse dietro la società concessionaria del viadotto. In quei giorni non solo calcolammo quanti miliardi di utile si fosse messa in tasca la famiglia di Ponzano Veneto grazie ai pedaggi autostradali, ma rivelammo anche che mentre a Genova si scavava tra le macerie alla ricerca dei morti, a Cortina si festeggiava il Ferragosto con un menù sobrio, ma ricercato. Insomma, mentre altri organi di stampa cosiddetti indipendenti nascondevano il loro nome, noi agli azionisti della società Autostrade non abbiamo fatto sconti. Dunque, avendo noi (...)

Ursula von der Leyen (Ansa)
Oggi il via libera formale della Ue al Recovery plan italiano avverrà a Cinecittà: luogo perfetto di sogni e finzioni. E quello degli «aiuti» europei si candida a essere un film purtroppo già visto. Senza lieto fine.
Emmanuel Macron e Mario Draghi (Horacio Villalobos#Corbis/Getty Images)
Le elezioni per il rinnovo dei consigli regionali sono state disastrose per il presidente francese e il suo partito. Scarsissima affluenza alle urne. Il risultato sembra aprire al nostro premier spazi impensabili in Europa per un passaggio di testimone nel post Angela Merkel.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings