Omofobia, Pro Vita & Famiglia in piazza: «Ddl come una dittatura, prima l'intimidazione poi la repressione»

Omofobia, Pro Vita & Famiglia in piazza: «Ddl come una dittatura, prima l'intimidazione poi la repressione»

«Zan é il volto moderato e rassicurante ma il vero volto nascosto di questa legge é quello della sindaca di Lizzano che chiede che i fedeli vengano identificati dai Carabinieri invece di bloccare i manifestanti Lgbt che insultavano e minacciavano» ha dichiarato Jacopo Coghe vice presidente di Pro Vita é Famiglia onlus alla manifestazione davanti a Montecitorio #RestiamoLiberi contro il ddl Zan sull'omotransfobia.

«Il nazismo ha cominciato così. Prima ha creato un clima di intimidazione poi é passato alla repressione vera e propria. Chi difende la libertà di espressione, di educazione, di associazione e religiosa oggi sta iniziando a subire l'intimidazione del regime Lgbt. Poi inevitabilmente, con l'approvazione della legge si arriverà alla repressione» ha concluso Toni Brandi il presidente di Pro Vita & Famiglia.

Se la manovra è già scritta
la Meloni ha  le mani legate
Getty images
Non spaventi l’Europa, molli Orbán, rinunci al blocco navale: la stampa tampina la papabile premier affinché imiti il suo predecessore (o addirittura il Pd). E in caso di rifiuto, spera che scatti la tagliola del metodo Ursula.
La destra è già a un bivio tra la «transizione» e l’europilota automatico
Mario Draghi (Getty images)
Il passaggio di consegne è imprescindibile, ma può diventare una gabbia. Ieri c’è stato un vertice congiunto sulla manovra: il banco di prova sarà su fisco, dicasteri e Piano Ue.
Incentivi in scadenza, norme da sistemare: gli alleati devono decidere come intervenire.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings