La festa di Pasqua rivela l'anima dell'Occidente - La Verità
Le Firme
In primo piano

La festa di Pasqua rivela l'anima dell'Occidente

ANSA

Oggi è Pasqua, la festa religiosa che ha più influito sulla storia, e sulla quale è fondato il mondo moderno, a cominciare da quello occidentale. A cosa si deve la grande importanza della Pasqua cristiana? Trattandosi di una festa religiosa, è molto probabile che Dio abbia a che fare con il suo successo. Ma c'è anche una ragione psicologica e fisiologica, che ha invece a che fare con l'uomo.

In primo piano

Chi tifa Ursula non ha capito la lezione Monti

Ansa

L'ammucchiata che usa il nome della strega di una fiaba sarà la maledizione dei partiti che la sostengono. Il bocconiano issato al governo contro il voto popolare favorì il vento grillino che spazzò il sistema. Il bis che si prepara spianerà la strada al Carroccio.
In primo piano

La Lega ha «chiuso» giusto in tempo. Svelate trappola Ue e mire di Prodi

Ansa

La «cintura di sicurezza» di Bruxelles sarebbe scattata al varo della manovra, con giallorossi (e forse Fi) in campo per mettere all'angolo Matteo Salvini. E il Prof pronto al Colle, spinto dall'assetto filocinese.
In primo piano

Renzi vuol fare il commissario Ue

Ansa

Anche io, al pari di Luca Ricolfi che lo ha detto ieri su questo giornale a Maurizio Caverzan, penso che la capriola di Matteo Renzi a favore di un governo con il Movimento 5 stelle sia tra le più spregiudicate della storia repubblicana.
In primo piano

Arriva Prodi e invoca il grande inciucio. Casini e Gianni Letta: «Dentro pure il Cav»

Ansa

Il Prof vuole la coalizione Ursula, come lo storico consigliere Sabino Cassese piega la Costituzione: «Si vota solo ogni cinque anni».
In primo piano

Questionare sulla tempistica è sterile. Rompere era l’unica cosa sensata

Ansa

C'è da ridere. Quelli che prima spiegavano a Salvini che doveva fare la crisi di governo per mandare a casa i grillini, adesso spiegano a Salvini che ha sbagliato a fare la crisi di governo, perché così consegna il Paese a un esecutivo 5 stelle-Pd. Il che dimostra che la politica è come il calcio e tutti, in particolare i giornalisti, si sentono allenatori o, per lo meno, segretari di partito.

In primo piano

Ma il Quirinale lo sa: l’asse giallorosso per cui tifa Macron indispone gli Usa

Ansa

La Francia sogna una Ue «terza potenza» tra America e Cina. Con un nuovo governo, estenderebbe il suo dominio su di noi.
In primo piano

Arriva il governo dell’invasione

Ansa

Ci mancava solo Massimo D'Alema a far da levatrice al governo della vergogna. Ma l'ex presidente del Consiglio ed ex ministro degli Esteri che andava a braccetto con gli hezbollah, alla fine è arrivato a benedire la nascita di un nuovo esecutivo 5 stelle-Pd. Lo ha fatto ricordando che 24 anni fa un colpo di mano, sotto gli occhi compiaciuti di Oscar Luigi Scalfaro, portò alla nascita del governo di Lamberto Dini, mettendo in un angolo Silvio Berlusconi, che aveva vinto le elezioni del 1994, e aprendo la strada alla successiva vittoria di Romano Prodi.
In primo piano

Quelli che non vogliono morire inciucisti e dicono: «Senza di me»

Ansa

Da Carlo Calenda a Gianluigi Paragone, fino a Paola De Micheli e Luigi Di Battista, c'è anche chi non dimentica gli insulti e non accetterà mai l'alleanza tra rossi e gialli.
In primo piano

Il femminismo controcorrente della Merlin

Ansa

Quarant'anni fa moriva la parlamentare autrice della famosa legge che pose termine all'esperienza delle case di tolleranza. Di formazione cattolica, si avvicinò ai movimenti per l'emancipazione. Però fu sempre contraria all'aborto e al divorzio.
In primo piano

Conte bis é già in campagna elettorale per conto dell'Ue

Contenuto esclusivo digitale

Ansa

Il lungo weekend di Ferragosto si è aperto con un doppio scontro al calor bianco sulla questione migranti: dapprima quello tra Matteo Salvini e Elisabetta Trenta, e poi – in termini ancora più clamorosi – quello tra lo stesso titolare del Viminale e Giuseppe Conte che - nella speranza di succedere a se stesso - cerca di acquisire benemerenze anti-salviniane presso i nuovi alleati del Pd e della sinistra e soprattutto presso il partito di Ursula von der Leyen.