I paradisi fiscali di casa nostra. L'Europa fa sparire 200 miliardi

  • Dall'Olanda a Malta, dall'Irlanda al Lussemburgo di Jean Claude Juncker. Questi Stati ci fanno la morale sugli immigrati e la manovra, ma con accordi fittizi e trucchetti giuridici corteggiano le società che privano l'erario delle nazioni di milioni e milioni di risorse.
  • Lo studioso Niels Johannesen: «Per una riforma, a Bruxelles serve il consenso di ciascun membro dell'Ue. Ma far pagare le aziende si può: spostare sempre fabbriche e lavoratori è impossibile».

Lo speciale contiene due articoli

Alessandra Ghisleri (Ansa)
La sondaggista: «Governo promosso sulla gestione dei vaccini, ma si pretende una svolta sull'economia. Europa bocciata sui migranti, cala la fiducia nella magistratura, il centrodestra in vantaggio su Pd-M5s».
Giulio Tremonti (Ansa)
L'ex ministro: «Più che a Marshall, fa pensare all'Urss. Prevale la logica del superdebito, troppi interventi, scritti male, con 48 riforme entro il 2024: utopia. E alla fine si prevede una crescita del pil solo dell'1,4 per cento».
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti

Nuove storie

Trending Topics

Change privacy settings