Il Viminale smonta «Repubblica»: «Voli per protezione» - La Verità
Home
In primo piano

Il Viminale smonta «Repubblica»: «Voli per protezione»

Ansa

  • Fascicolo della Corte dei conti sul ministro. Il Dipartimento di pubblica sicurezza: «Viaggi leciti, costati meno di 30.000 euro».
  • Per i pm di Busto Arsizio gli indagati avrebbero barattato posti dirigenziali in società partecipate con appoggi elettorali alle comunali. In un'intercettazione anche il nome del vicepremier, che dice: «I giudici siano veloci».
  • Il capo dei 5 stelle sfrutta gli assist delle Procure contro la Lega: «Il 26 sarà una scelta tra noi e tangentopoli bis». Gli dà man forte Alfonso Bonafede: «Il problema corruzione c'è». Matteo Salvini: «Il M5s usa politica, giornali e altri ambiti per attaccarci. È la storia che si ripete».

Lo speciale contiene tre articoli.

In primo piano

La truffa delle polizze assicurative fasulle

Siti internet farlocchi propongono tariffe superscontate ed è facile cascarci. L'istituto che vigila sul settore ne ha chiusi 140 nei primi 9 mesi dell'anno. Ma ci si lamenta (e molto) anche delle compagnie regolari: soprattutto per i ritardi nei risarcimenti.
In primo piano

L’Europa impone targa e patentino anche agli aerei radiocomandati

iStock

Le nuove norme Ue fissano dei paletti molto rigidi per i proprietari di modellini superiori ai 250 grammi. Equiparati ai droni. Addio ai prati di campagna, si potrà volare solo nelle strutture dell'Aero Club d'Italia.
In primo piano

Nove idee per la farmacia del futuro

L'iniziativa di Banca Ifis e Federfarma con il mondo universitario ha fatto reinventare agli studenti i punti vendita tradizionali. All'insegna dei social e della realtà aumentata.
In primo piano

La mazzata di Monti che ha distrutto la casa

Imposta dal governo tecnico nel 2011, è stata una mega patrimoniale con conseguenze devastanti sul mattone degli italiani. Bruciato un valore di 1.300 miliardi di euro. Una ricerca evidenzia il nostro crollo rispetto a quello degli altri Paesi europei.
In primo piano

Industria rovinata da giallorotti e pm contraddittori

Getty Images

Non ci fosse di mezzo il futuro di migliaia di famiglie che rischiano di essere messe sul lastrico, confesso che ci sarebbe da ridere. Il caso Ilva infatti ormai sembra una commedia all'italiana, dove ognuno recita a soggetto senza curarsi di ciò che interpretano gli altri, con risultati surreali e, soprattutto, con una totale confusione dei ruoli. Mi spiego: da anni assistiamo a un'azione della magistratura che, con il dichiarato scopo di difendere la salute dei cittadini, fa di tutto, compreso mettere a repentaglio il futuro della più grande fabbrica del Mezzogiorno, oltre che della più grande acciaieria (...)

In primo piano

I 50 euro al portaborse mafioso aggravano i dubbi sulla Occhionero

Ansa

L'assistente della renziana, arrestato per i suoi rapporti con i boss, veniva pagato con un caffè al giorno. Oggi la deputata di Iv spiegherà all'Antimafia perché visitavano le carceri. E le ragioni di uno stipendio da fame.