I misteri del governo sulla app per il tracciamento. Quelle regionali già hackerate

True
  • Il governo di Giuseppe Conte non ha ancora preparato il decreto per il lancio dell'applicazione che dovrebbe aiutare l'Italia durante l'uscita dal lockdown. Annunciata in pompa magna dal ministro per l'Innovazione Paola Pisano, chiuso il bando venerdì scorso, non c'è traccia della lista delle aziende che hanno partecipato. Ne sarebbero state selezionate 70, ma non si conoscono nemmeno i componenti della commissione che le sceglierà.
  • Lazio e Sicilia lanciano programmi per tracciare i malati, ma un hacker etico è già riuscito a perforarle, in meno di mezz'ora, mostrando gravi carenze nella privacy e nella gestione dei dati.
  • In Francia già pronta Covidom. I malati hanno un diario medico, vengono seguiti quotidianamente e possono chiedere anche supporto psicologico.

Lo speciale contiene tre articoli

Mario Draghi (Getty Images)
  • Mr Bce lascia la palla all'Aula: «È il momento del Parlamento, non del governo». Il messaggio alla sinistra, però, è chiaro: o si va incontro alle richieste della Chiesa, o la legge rischia di essere bocciata dalla Consulta.
  • I dem dovranno accettare modifiche, anche se i partiti giallorossi insistono per portare al voto il testo. Roberto Fico incalza il M5s, Giorgia Meloni si mette di traverso: «Sospendiamo l'iter».

Lo speciale contiene due articoli.

Il radicale Marco Cappato (Ansa)
Sinistra e grillini strillano per la nota del Vaticano (che si appella al diritto) nelle stesse ore in cui benedicono le pressioni dell'Ue contro la legge ungherese sul gender. E dopo aver acclamato il «ce lo chiede l'Europa», piangono la lesa sovranità delle Camere.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings