I 3 miliardi per la lotta al contante nascondono un sacco di fregature - La Verità
Home
In primo piano

I 3 miliardi per la lotta al contante nascondono un sacco di fregature

iStock

  • Per il cashless la stessa cifra destinata al taglio del cuneo. Intanto, però, mancano criteri di erogazione e forma del rimborso (soldi reali o detrazioni), rimandati a un decreto ad hoc. Ma il vero obiettivo resta tracciare tutto.
  • Nuova bozza: stretta su filtri e cartine. Oltre a plastic e sugar tax, aumentano le accise sul gasolio per camion. Saltano le agevolazioni sulle auto aziendali. Imu e Tasi unite, in arrivo brutte sorprese.

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

Le 30 azioni che staccano le supercedole

Dall'americana Occidental petroleum a Intesa, i titoli che erogano stabilmente utili ai propri soci sono i più solidi. Per questo acquisire delle quote, anche piccole, è una buona mossa. L'importante però è monitorare i dati macroeconomici delle aziende.
In primo piano

Le nuove regole dei burocrati Ue hanno fatto alzare il nostro debito

Mesi di dibattiti sugli 0 virgola, poi Bankitalia (da un anno con l'altro) fa «lievitare »l'andamento sul Pil di 5 punti. Il motivo? L'Eurostat ha cambiato i criteri per «pesare» gli interessi dei Buoni postali. Così Bruxelles ci strangola.
In primo piano

I renziani guidano il sabotaggio alla manovra

Getty

Solita valanga di emendamenti alla finanziaria, Italia viva spicca per attivismo contro i suoi alleati grillini. Nel mirino la galera agli evasori e la stretta sugli appalti. Imbarazzo di Roberto Gualtieri, pronto a svuotare sugar e plastic tax. Bagarre su assorbenti e seggiolini.
In primo piano

Gualtieri agita lo spettro Salvini per tassarci

Ansa

Il ministro dell'Economia parla di un'Europa spaventata dal possibile ritorno della Lega. Intanto nel disegno di legge di bilancio compaiono nuove entrate per 6,1 miliardi. E Confesercenti lancia l'allarme: «Rischiamo rincari del 25% delle imposte locali».
In primo piano

La Lega: «Con il decreto fiscale finiranno per strangolare le Pmi»

Alberto Gusmeroli: «Gli articoli 3 e 4 della Finanziaria sono concepiti per far fallire i professionisti e piccole ditte. La norma blocca il meccanismo del subappalto mettendo in ginocchio decine di migliaia di mini aziende».
In primo piano

Nuova vita per acqua, energia e gas Il settore in Borsa sale del 18%

Il comparto delle utilities non è più considerato solo difensivo. In un'epoca di rendimenti vicini allo zero, offre azioni che assicurano dividendi sostanziosi. Positivi anche i fondi: 18 prodotti su cui scommettere.
In primo piano

Banche. Alla fine ci guadagnano sempre loro

  • La spesa per un conto sale del 10%. Rincarano canoni online e surroghe mutui. E con i bancomat...
  • E se l'Arbitro le condanna a pagare non lo stanno nemmeno a sentire. Dal 2009 in via Nazionale esiste un organismo per dirimere le controversie. Ma gli istituti di credito spesso non rispettano le sue decisioni e non versano il dovuto. E nessuna autorità può obbligarle a farlo.

Lo speciale contiene due articoli.

In primo piano

Il Bullo tira a campare sparando su Giuseppi

Ansa

Il Rottamatore dice che si può andare avanti anche con un altro premier e stronca la manovra: peccato che l'abbia votata pure lui. Visto che il suo partito è inchiodato al 5%, l'unico modo per non scomparire è inventarsene ogni giorno una più grossa.
In primo piano

Il taglio delle detrazioni costa 1.160 euro

  • Lo stop fa risparmiare solo 350 milioni su 30 miliardi. Chi guadagna oltre 120.000 euro perderà pure lo sconto sulle spese sanitarie, eccetto che per alcune patologie. Bastonata una classe che rappresenta lo 0,73% della popolazione, ma versa l'11% delle tasse.
  • Stangata anche sulle auto aziendali. Il prelievo passa da 600 a 2.000 euro. Il settore rappresenta il 40% delle nuove immatricolazioni. Attesi 513 milioni di incassi.

Lo speciale comprende due articoli.

In primo piano

Fuggi fuggi generale dalla manovra. La maggioranza rinnega sé stessa

Getty

Matteo Renzi farà la guerra alle imposte sullo zucchero, Andrea Orlando a quelle sulle auto aziendali. Teresa Bellanova attacca quota 100. Luigi Di Maio e il Pd litigano sui soldi all'editoria. Ma il testo è stato votato proprio da chi vuole smarcarsi.