Il Regime in Redazione in edicola con La Verità e Panorama

Default Theme

«Flashmob alla Rai di Roma e Milano: stop a un monopolio indecente e offensivo che ci costa 2 miliardi»

www.laverita.info

«Io non pago per essere offeso né per permettere che i nostri figli vengano indottrinati al gender. Si sono tenuti a Roma alle ore 13 e a Milano alle ore 12, davanti alle sedi Rai rispettivamente di Viale Mazzini e di via Sempione, due flash mob contro il (dis)servizio pubblico che ritiene di mettere in scena delle "esibizioni" blasfeme e oltre il limite della decenza, o di indottrinare i nostri figli al gender. Alla manifestazione hanno partecipato numerose personalità politiche di diversa provenienza». Si apre così la nota di Pro Vita e Famiglia, onlus organizzatrice delle proteste contro la Rai.

«Il canone costa agli Italiani complessivamente 2 miliardi. Lo Stato versa un contributo "per l'adempimento degli obblighi del contratto di servizio", che per il 2019 e il 2020 è stato fissato in 40 milioni di euro. Cifre esorbitanti per vedere cosa? Il sacrilegio di Achille Lauro che a Sanremo si presenta con il Sacro Cuore di Gesù, Fiorello incoronato di spine o per ascoltare le favole per bambini a "Oggi è un altro giorno", il programma condotto da Serena Bortone, stravolte, con la bella addormentata presentata in salsa lesbo» ha continuato Toni Brandi presidente di Pro Vita e Famiglia.

«Una Rai che comunque guadagna anche dalla pubblicità, da eventuali contratti o convenzioni e dalla vendita di beni e servizi, può a questo punto camparsi da sola e diventare una tv commerciale? Tutti questi miliardi non andrebbero spesi meglio, per i poveri, i disabili e per tutte le persone alla fame? Tutto questo accade in un momento in cui le famiglie devono affrontare una grave crisi economica e devono ritrovarsi in bolletta la tassa da pagare per sentirsi umiliate, non rispettate e per volgarità e messaggi scandalosi oltre che blasfemi. No grazie. Con la nostra petizione, che ha raggiunto in pochi giorni un successo esorbitante di oltre 100.000 mila firme, intendiamo dichiarare guerra a chi non fa che offendere e denigrare la maggioranza degli italiani!» ha concluso Jacopo Coghe, vice presidente della onlus.

Lukoil, il governo congela le offerte e prepara la deroga all’embargo
Il polo petrolchimico di Priolo Gargallo (Getty Images)
Decreto a tutela degli interessi nazionali. In corsa il fondo americano Crossbridge.
Bruxelles implora il Dragone di fare da paciere con lo zar e presta il fianco all’invasione
Charles Michel e Xi Jinping (Ansa)
Mentre il capo del Consiglio Ue, Charles Michel, va a Pechino a chiedere aiuto a Xi Jinping, Emmanuel Macron si accorge del pericolo a livello economico. E tratta in autonomia con gli Usa.
Cercare una Norimberga 2 per i russi vuole dire rendere infinita la guerra
Ursula von der Leyen
Ursula von der Leyen propone un tribunale speciale contro i crimini di Mosca. Come se la contrapposizione in corso fosse tra Bene e Male. JohnMearsheimer: «Così il pericolo dell’uso di testate nucleari non è banale».
«Persegue i peccati invece dei reati. Il magistrato di lotta deve sparire»
(Imagoeconomica)
Il ministro Carlo Nordio, nel libro «Giustizia», se la prende con i giudici che non si limitano solo al rispetto della legge, ma si autolegittimano come garanti di valori che mirano a voler affermare la verità sostanziale.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings