E scatta la rivolta dei governatori a secco

E scatta la rivolta dei governatori a secco
Ansa
  • Veneto, Friuli, Emilia, Lazio e Lombardia sul piede di guerra: «A rischio i richiami, dovremo lasciare indietro alcune categorie». Il Pirellone suggerisce di inserire il Pil regionale tra i parametri per la ridistribuzione delle scorte. Flop del bando degli infermieri.
  • Il big farmaceutico Sanofi, in ritardo monstre con il siero, taglia nel settore ricerca e sviluppo.

Lo speciale contiene due articoli.

Germania al bivio tra crisi e lotta con gli Usa
Olaf Scholz (Kay Nietfeld/picture alliance via Getty Images)
Il Paese che traina l’eurozona diviso tra purghe economiche o riallineamento alla Russia. Difficile il rilancio Ue.
La vera trappola per il centrodestra
Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini (Imagoeconomica)
Altro che strepiti sul ritorno del fascismo, il problema sono i pessimi dati economici su cui ora si stende un velo di silenzio per poi poterli rinfacciare al governo che verrà. Se sconfitta, la sinistra vorrà vincere a Bruxelles, montando una campagna anti italiana.
Se la donna è di destra è un po’ meno donna
Natlia Aspesi (Marco Piraccini\Mondadori Portfolio\Mondadori via Getty Images)
Dopo averci detto per anni che la soluzione di tutti i mali era aumentare la presenza femminile nella società, ora la sinistra fa retromarcia: guai a votare Giorgia Meloni solo per il «fattore D». Siccome lei è la leader di Fdi, va considerata come un maschio.
È la conferma che non esiste alcuna pioggia di miliardi e che l’Italia da «percettore netto» tornerà a essere «contributore netto». Senza poter decidere in cosa investire.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings