anticorpi

Aifa leaks. Ora fuori la verità
Roberto Speranza (Imagoeconomica)
  • Le mail interne all’Agenzia del farmaco, rivelate da «Fuori dal coro», mostrano che non ci si preoccupava della nostra salute, ma di «non uccidere il vaccino». Si sapeva degli effetti avversi e dell’assenza di anticorpi in molte persone «immunizzate». Però il direttore Nicola Magrini interveniva per insabbiare tutto.
  • Il medico Claudio Giorlandino: «Il ministro e gli scienziati capivano che qualcosa stava andando storto».
  • Il filosofo Massimo Cacciari: «C’era una logica di guerra. E con un’altra emergenza la storia si ripeterà».

Lo speciale contiene tre articoli.

Dalle Regioni piovevano segnalazioni, però venne alzato il muro: «Non si parli di fallimento». Secco no anche ai dirigenti che volevano avviare la vigilanza attiva: «Per sopravvivere, bisogna imparare a non rispondere».

Quelli che sapevano già tutto di Pfizer smentiti da Draghi, virostar, Iss-Aifa
Giorgio Palù (Imagoeconomica)
È caduta (quasi) nel vuoto l’ammissione della casa farmaceutica sul vaccino mai testato sulla trasmissibilità. «Cosa nota», è il mantra del giorno dopo. Ma significa che tanti hanno detto bugie per un anno. Ecco le prove.
«Immunità naturale più efficace del vaccino»
(Imagoeconomica)
Mentre riparte la corsa all’hub, uno studio pubblicato sul «New England Journal of Medicine» evidenzia maggiore protezione nei non inoculati guariti (50,2%) rispetto a chi ha ricevuto due dosi. In seguito a tre dosi lo scudo alla malattia si ferma al 59,6%.
Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings