Scuola, linee guida su genere. Pro Vita e Famiglia: «Chi ha sbagliato paghi. Regione Lazio ne sa qualcosa?»

Scuola, linee guida su genere. Pro Vita e Famiglia: «Chi ha sbagliato paghi. Regione Lazio ne sa qualcosa?»

«Chi ha sbagliato paghi. Nessuna linea guida è stata diffusa dal San Camillo Forlanini riguardo al documento Strategie di intervento e promozione del benessere dei bambini e degli adolescenti con varianza di genere come ha appena scritto in una nota la stessa Azienda Ospedaliera. Vogliamo sapere cosa è successo. Qualcuno è responsabile di questa vergogna, ci dicano chi» ha dichiarato in una nota il presidente di Pro Vita e Famiglia onlus, Toni Brandi.

«Senza alcuna autorizzazione è stato diffuso il logo dell'Azienda abusando di un rapporto di convenzione in corso con il San Camillo Forlanini, finalizzato al supporto psicologico di adeguamento tra identità fisica e psichica. La Regione Lazio ne sa qualcosa? Chi si è nascosto dietro al San Camillo per far apparire un rapporto anti-scientifico e privo di un confronto con le associazioni dei genitori nel Fonags e del Forags Lazio? Un rapporto con un approccio che in Uk e Nord Europa ha provocato numerosi danni psichici e fisici ai ragazzi? Chi in nome di un'ideologia fa sperimentazioni già fallite all'estero? Forse gli stessi che hanno messo nelle direttive tra la normativa di riferimento il ddl Zan spacciandolo già per approvato? Fa paura pensare che si sia trattato di un provvedimento puramente ideologico, che richiama una legge che ancora non è stata approvata come il Ddl Zan, e che su questa base professionisti di non si sa quale specie sarebbero entrati nelle scuole dei nostri bambini» ha dichiarato il membro del Direttivo di PV&F Maria Rachele Ruiu. «L'ufficio scolastico regionale rimuova immediatamente dal portale web le linee guida così squalificate dal San Camillo e invii immediatamente una comunicazione a tutte le scuole smentendo che queste godano del sostegno scientifico dell'Azienda ospedaliera! Basta giocare al derby sulla pelle dei nostri figli!» ha concluso Ruiu.

Volcic fu importante. Non solo perché teneva i sigari di Fidel in frigo
Demetrio Volčič (Ansa)

Da giovane pensavo che se mai fossi diventato giornalista avrei voluto essere come Demetrio Volčič, giornalista della veccia scuola, esperto di politica internazionale più di tanti blasonati accademici, consumato uomo d’intelligence, poliglotta, politico acuto e bilanciato. Volčič si è spento oggi in una uggiosa e fredda mattinata goriziana nella sua casa di fronte al parco cittadino. E’ stato per decenni un punto di riferimento tanto per gli aspiranti giornalisti, quanto per gli aspiranti geopolitici.

Una scena del Macbeth alla Scala (Ansa)

Il 7 dicembre si riaprono, come da tradizione, le porte della Scala. In scena il Macbeth diretto da Riccardo Chailly. E per la prima volta dopo la pandemia, torna il pubblico in sala. La primina, con 2000 under 30 seduti tra palco e platea, ha raccolto 11 minuti di applausi.

Continua a leggere Riduci
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie

Made in Italy
Trending Topics
Change privacy settings