Per risolvere il rebus armeno, Putin sceglie il dialogo - La Verità
Home
In primo piano

Per risolvere il rebus armeno, Putin sceglie il dialogo

Contenuto esclusivo digitale

ANSA

La «rivoluzione colorata» ha spinto alle dimissioni il primo ministro Serzh Sargsyan. Ma Mosca non teme una svolta verso la Nato o l'Unione europea da parte del Paese caucasico, da secoli legato alla Russia. Il Cremlino lascia così da pare la linea dura e avvia i negoziati per garantire stabilità all'ex satellite in tempi brevi. Onde evitare di soffiare sul fuoco delle proteste.

In primo piano

Benetton mette la faccia per i maglioncini e per il gender. Non per i morti

Ansa

Luciano Benetton ha deciso di metterci la faccia. Non sulla tragedia di Genova, per rispondere di quelle 43 vite spezzate, alla vigilia delle vacanze estive dello scorso anno, dal crollo del ponte Morandi. No, come ci comunica Repubblica, giornale bene informato e altrettanto ben foraggiato dalla pubblicità del gruppo di Ponzano Veneto, il patron della famiglia trevigiana ha deciso di mettere la propria faccia sul rilancio dell'industria di abbigliamento da cui è cominciato il suo successo.

In primo piano

Basta che Salvini baci un rosario e il clero pro immigrati s’indiavola

Ansa

Il leghista si è affidato ai santi d'Europa e a Maria. Apriti cielo. Pietro Parolin: «Pericoloso invocare Dio per sé stessi». Antonio Spadaro: «Mercanteggiamento». È la deriva di quei prelati che pretendono di distribuire anche patenti di fede.
In primo piano

Stefano Candiani: «Di Maio ci infanga. Ormai è peggio della peggior sinistra»

Ansa

Il sottosegretario all'Interno: «Attacca noi per compattare i suoi, ma così la fiducia s'incrina. Il decreto Sicurezza? Oggi va in Consiglio dei ministri».
In primo piano

Greta Garbo, l’aliena che amava le donne perché si sentiva Dorian Gray

Getty

La Divina di Hollywood seduceva con il suo stile androgino. Scoprì l'amore lesbico grazie a Marlene Dietrich. E lasciò le scene a soli 36 anni per sfuggire alla celebrità.
In primo piano

«I miei gioielli da film piacciono alle star»

Contenuto esclusivo digitale

Emanuele e Giulia Bicocchi

  • Il giovane designer Emanuele Bicocchi: «Molte celebrità indossano le nostre creazioni, tra cui il bracciale protagonista di due pellicole campioni d'incassi. Sono partito dal nulla e senza una lira, con la spinta di mia moglie allora sedicenne. Si fa tutto a mano e made in Italy».
  • Il marchio Lardini ha prodotto una maglietta speciale per sostenere la Lega del filo d'oro. «Un'immagine raffigurante me con i miei cugini e tutti quei bambini desiderosi di vivere a pieno le loro vite e raggiungere i loro obiettivi» spiega Clio Moretti Lardini.
  • Il gruppo francese Kering imprime una svolta non da poco a tutto il pianeta del fashion scegliendo solo indossatrici e indossatori maggiorenni.

Lo speciale contiene tre articoli.

In primo piano

Per il decreto i grillini si nascondono dietro 1 miliardo di euro che non c’è

Ansa

  • I 5 stelle sostengono di essere stati «sabotati» ma in realtà hanno sbagliato sulle coperture.
  • Federica Picchi, la manager che ha portato nei nostri cinema il film politicamente scorretto «Cristiada», si candida con Fdi: «Mi batto per la vita».
In primo piano

Basilicata, Abruzzo e Veneto le regioni più lente nei pagamenti: oltre 100 giorni per saldare le fatture

Contenuto esclusivo digitale

Per la prima volta nella sua storia, lo Stato italiano paga le fatture in orario. Anzi, lo fa addirittura in anticipo. Ma analizzando con calma i dati diffusi dal Mef si capisce subito che anche in tema di pagamenti esistono due Italie. La prima, quella del Nord, che paga mediamente dopo 38 giorni, la seconda quella del Sud che salda dopo 57.