Trump ha quattro motivi per infischiarsene del voto di mid term - La Verità
Home
In primo piano

Trump ha quattro motivi per infischiarsene del voto di mid term

Contenuto esclusivo digitale

ANSA

  • Il presidente americano si prepara alle elezioni di metà mandato del 6 novembre. I democratici cantano già vittoria ma devono fare i conti con la crescita economica, la gestione positiva dell'immigrazione, l'attacco boomerang al giudice Brett Kavanaugh e infine, alla tipologia stessa delle elezioni per la Camera: hanno per lo più valore locale.
  • Nel terzo trimestre gli Usa sono cresciuti a un tasso del 3,5%, ma la Federal Reserve è sempre più orientata verso una politica monetaria restrittiva.
  • Da Emmanuel Macron ad Angela Merkel, i leader europei con gli scatoloni in mano tifano per un ridimensionamento di The Donald.

Lo speciale contiene tre articoli.

In primo piano

Trump si scaglia sulla Fed: «Nemica più di Xi»

Ansa

Jerome Powell sfida il presidente: non dà indicazioni sul taglio dei tassi, come richiesto dalla Casa Bianca. Elenca le turbolenze internazionali, i rallentamenti di Germania e Cina e anche la crisi di governo italiana. The Donald furioso: «Non ha fatto nulla».
In primo piano

La Francia non ci ridà il black bloc

Ansa

Sospesa l'estradizione di Vincenzo Vecchi, condannato a più di 12 anni per le devastazioni del G8 e fuggito oltre confine. I giudici transalpini chiedono più informazioni per consegnarlo.
In primo piano

La causa di Gozi a chi lo intercettò: «Mi impedì di comandare nel Pd»

Ansa

A distanza di 17 anni dal suo ultimo tesseramento con il Msi, il cesenate tentava la scalata ai democratici. L'ascesa fu però ostacolata dall'indagine Why not e per questo chiede 50.000 euro al consulente Gioacchino Genchi.
In primo piano

È guerra tra i democratici per la conquista del South Carolina. E intanto Trump gongola

Contenuto esclusivo digitale

Kamala Harris (Ansa)

Non solo Iowa e New Hampshire. Un altro Stato tradizionalmente fondamentale nel processo elettorale delle primarie (sia repubblicane che democratiche) risulta il South Carolina. E questo per una serie di ragioni. Innanzitutto perché si tratta generalmente del primo territorio meridionale in cui si tengono votazioni. In seconda istanza, perché è il primo Stato realmente popoloso in cui hanno luogo delle primarie.

In primo piano

Trump scatenato: dazi alla Ue e basta ius soli

Ansa

Il presidente americano: «Stiamo pensando di mettere fine alla cittadinanza come diritto di nascita». Poi disdice il viaggio ufficiale in Danimarca dopo il no per la Groenlandia. Vuole sganciare Vladimir Putin dall'orbita cinese. E riminaccia sovrattasse sulle auto tedesche.
In primo piano

Agli arresti la pm del caso tangenti a Skopje

Ansa

Fermo di 30 giorni per il capo della super procura voluta dall'Europa e da Federica Mogherini in Macedonia, al centro di uno scandalo corruttivo che può travolgere anche il governo socialista. Le rivelazioni della Verità fanno saltare il tentativo di insabbiare tutto.
In primo piano

Brexit sempre più hard da subito. «Stop alla libertà di movimento»

Ansa

Boris Johnson annuncia l'immediato ripristino delle frontiere britanniche per tutti i cittadini Ue «dal 31 ottobre». Tensioni con Bruxelles sul destino dell'Irlanda. Donald Trump invece promette a Londra patti commerciali speciali.
In primo piano

Washington appoggia l’azzardo leghista contro l’asse tra Cina, Francia e Germania

Ansa

Se Matteo Salvini ha rotto, è anche perché sa che gli Usa lo supportano nella sfida a dem e grillini, fedeli a Pechino, Parigi e Berlino.
In primo piano

Hong Kong, Trump minaccia la Cina di far saltare l'accordo commerciale in caso di violenza

In primo piano

Trump toglie i dazi alle Bibbie fatte in Cina

Ansa

Insieme con altra letteratura religiosa sono state rimosse dall'elenco degli articoli che dovranno affrontare la sovrattassa del 10%. Da Pechino il 65% delle importazioni Usa del settore (92 milioni di dollari). Plauso degli evangelici, ma resta il balzello sui rosari.