«Mi oppongo alla circolare del ministero. Per la manifestazione di venerdì serve la giustificazione» - La Verità
Home
In primo piano

«Mi oppongo alla circolare del ministero. Per la manifestazione di venerdì serve la giustificazione»

Contenuto esclusivo digitale

Elena Centemero dirigente dell'Istituto Vanoni di Vimercate si oppone al ministro Lorenzo Fioramonti. «C'è anche un rischio: non sappiamo se i ragazzi andranno alla manifestazione o meno. Il tema è responsabilizzare i ragazzi e le famiglie».

In primo piano

Corsi di sesso orale per bambini. Bergamo sposa il modello inglese

iStock

Affettività e masturbazione entrano nelle ore di lezione di una quinta elementare. La corsa a somministrare lezioni di erotismo a un'età sempre più bassa continua. L'unico tabù è la generatività.
In primo piano

Lezioni di decostruzione della sessualità alle elementari. In cattedra va l’Arcigay

iStock

Il Comune di Ravenna include nelle proposte formative per alunni di primarie e medie i corsi per «decostruire le rappresentazioni delle identità sessuali» e dare «giuste informazioni sull'orientamento di genere». In classe «esperti» bolognesi del centro Cassero.
In primo piano

Il lamento fa male a chi lo fa e a chi lo ascolta

Ansa

È una pessima abitudine, tipicamente femminile, che non cambia le cose. Eppure, finisce per entrare nella vita quotidiana ed erodere le relazioni interpersonali. Se siete madri, fate attenzione: mai brontolare con i vostri figli dei difetti del papà.
In primo piano

Il gretinismo sale in cattedra al ministero

Ansa

Dopo la richiesta di gabelle sulle merendine e i voli aerei, Lorenzo Fioramonti ha appeso alla facciata del Miur uno striscione ambientalista. Così l'indottrinamento prende il posto della didattica. È la lezione del guru Jeffrey Sachs, manina dietro la conversione «green» del Papa.
In primo piano

Altro che dress code. La preside di Scampia impone l’educazione

Ansa

Dopo aver vinto sul divieto alle treccine, la dirigente tiene duro e punisce gli alunni con i jeans strappati: le regole sono tornate.
In primo piano

La sfida di chi respinge la scuola di regime

iStock

Cresce in Italia il numero di genitori che preferiscono istruire i ragazzi a casa propria. Nessun obbligo, a parte informare i presidi e superare gli esami di Stato a fine ciclo. L'Associazione nazionale: le famiglie hanno diritto a occuparsi integralmente della prole.
In primo piano

La scuola senza zaino crea studenti depressi

iStock

La nuova tendenza vuole cancellare la fatica e l'impegno, rappresentati dal peso dei libri di carta. In questo modo, invece di aiutare i ragazzi si finisce solo per far aumentare noia, frustrazioni e disturbi mentali. Anche per colpa degli apparecchi digitali fra i banchi.
In primo piano

I nostri istituti scolastici non sono sicuri

La scuola italiana cade a pezzi, e non è né di un gioco di parole né eccesso di catastrofismo: è lo stato letterale dei 40.151 edifici scolastici.

In primo piano

La «scuola senza zaino» boccia l’intelligenza

Ansa

Il nuovo modello educativo abolisce i compiti a casa, i voti, i banchi e l'autorità. Si impara poco e non si boccia mai. Si fa di tutto per soffocare le capacità del singolo, allineando la preparazione degli studenti al ribasso. Pur di non offendere chi non ce la fa.
In primo piano

In Lombardia lauree componibili su misura

Ansa

Secondo la classifica Qs, le università milanesi sono al primo posto in Italia e al 36° su 1.000 nel mondo. Funzionano l'integrazione con il territorio e l'internazionalizzazione. A Bergamo, il percorso si costruisce scegliendo i singoli corsi. Come in Germania.