L’autopsia di Sana svela l’orrore: «Collo rotto, è stata strangolata»

L’autopsia di Sana svela l’orrore: «Collo rotto, è stata strangolata»
ANSA
  • I medici forensi del Punjab fanno chiarezza sulla morte della ragazza pakistana di Brescia. A ucciderla non fu un malore, come sosteneva la famiglia. Il principale sospettato resta il padre.
  • Il primo campionato del Ravenna Sprar, compagine calcistica di richiedenti asilo, finisce in malo modo. Durante una partita un migrante subisce fallo e si mette a inseguire un avversario con un rastrello. Gara sospesa e addio anticipato alla competizione.
  • Anche l'ex insegnante di storia delle medie, Patrizia Meloni, all'udienza di Luca Traini, il ventottenne di Tolentino accusato di strage aggravata dall'odio razziale, tentato omicidio, porto abusivo d'arma, danneggiamento e anche di propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale, etnica e religiosa per il raid a colpi di pistola in cui il 3 febbraio ferì sei migranti per vendicare Pamela Mastropietro. La Procura chiede la perizia psichiatrica, l'avvocato si oppone.
  • Ilaria Testoni, regista di un adattamento dell'Otello di Shakespeare in scena da oggi al 27 maggio al teatro Arcobaleno di Roma, trasforma il moro di Venezia in un rom. Un altro sfregio politicamente corretto al dramma del Bardo inglese.


Lo speciale contiene quattro articoli.

La vera preoccupazione del Pd: calano gli aborti
Stefano Bonaccini (Ansa)

In Emilia Romagna le interruzioni di gravidanza sono in calo e il governatore Bonaccini ha pensato bene di correre ai ripari. Per i dem la vita è una brutta notizia e la Ru486 verrà distribuita nei consultori per riportare le statistiche al loro posto. Altro che Meloni, chi non rispetta la 194 in ogni suo articolo è la sinistra.

Ecco Houellebecq critico del moderno. «Le femministe? Delle amabili str...»
Michel Houellebecq (Ansa)
In uscita una raccolta degli interventi giornalistici dello scrittore. «Questa società favorisce i desideri ma impedisce di realizzarli».
Diktat e sacrifici non sono bastati. In tanti appoggiano ancora il sistema
Giuseppe Conte (Ansa)
Mi congedo dai lettori con un’amara riflessione sulle scelte fatte alle urne. Dopo oltre due anni di bugie, infatti, molti hanno dato nuovamente fiducia a chi ha imposto obblighi e limitazioni arbitrari in nome della «scienza».
Scuse (interessate) dell’influencer anti nonni
Giulia Torelli
Dopo tre giorni di silenzio, Giulia Torelli si pente e con un nuovo video social si rimangia gli insulti: «Anche chi è in là con gli anni può votare, io mi occupo di guardaroba». Le polemiche d’altronde rischiavano di far scappare i follower. E soprattutto gli sponsor.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings