L’assistente di Zingaretti urla, però non dà botte - La Verità
Home
In primo piano

L’assistente di Zingaretti urla, però non dà botte

ANSA

A nome e per conto di Albino Ruperti, capo di gabinetto del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, rappresento quanto segue. Negli articoli pubblicati sul vostro giornale il 18 ottobre 2018 intitolati «Il braccio destro di Zingaretti picchia chi contesta il suo capo» e «Il factotum di Zingaretti mena chi lo contesta», entrambi a firma della signora Anna Maria Fiore, sono riportate notizie non veritiere e gravemente lesive dell'immagine, dell'onore e della reputazione del mio assistito. Mi riferisco in particolare alle affermazioni ivi contenute secondo cui il signor Ruberti avrebbe «picchiato gli animalisti» e che avrebbe fatto ciò in quanto contestatori dell'onorevole Zingaretti. Il mio assistito, al contrario di quanto infondatamente riportato nella notizia ora citata, non solo non ha picchiato o menato nessuno ma, come facilmente ricavabile dalle immagini video, non ha avuto alcun contatto fisico con quello tra i manifestanti che sarebbe stato asseritamente picchiato. A conferma di ciò valga il tenore letterale dell'intero articolo, nel quale, contrariamente a quanto indicato in maniera fuorviante e subdola nel titolo, si chiarisce come l'attività contestata al Ruberti sarebbe in realtà consistita solamente nell'aver strappato alcuni volantini e nell'aver gridato ad uno dei manifestanti: e si tratta, all'evidenza, di condotte ben diverse dal picchiare qualcuno. Nel contestare il contenuto dell'articolo, si intende qui evidenziare come nella vicenda siano stati in realtà proprio gli stessi manifestanti ad aver assunto un comportamento violento, illegittimo e non giustificato laddove questi ultimi, che peraltro stavano manifestando senza alcuna autorizzazione, hanno voluto provocatoriamente interrompere il comizio in atto iniziando, dapprima, a insultare il presidente e tutto il suo staff e cercando, poi, addirittura di salire sul palco con forza: condotta, questa, che ha pertanto determinato il legittimo e doveroso intervento del personale addetto alla sicurezza. In tale contesto il mio assistito, nel tentativo di contenere le modalità eccessivamente irruente con cui si stava svolgendo la manifestazione animalista, ha cercato solo di evitare che accedessero al palco persone non autorizzate, per evidenti ragioni di sicurezza: persone che, oltretutto, miravano all'evidenza soltanto a boicottare il comizio in corso, attraverso la strumentale esposizione sul palco di materiale propagandistico oltraggioso, e non certamente a portare avanti, in maniera pacifica e dunque corretta, una protesta che, se avesse rivestito tali caratteri, avrebbe ricevuto un altrettanto pacifico e corretto riscontro da parte del mio assistito, che ha sempre avuto attenzione e rispetto per i temi ambientali.

Avvocato Francesco Paoletti

In primo piano

«Una procedura d’infrazione farebbe peggio all’Ue che a noi»

Ansa

Il leghista Alberto Bagnai: «Tria risponderà con i numeri. Il Paese può aspirare a una vicepresidenza e a un portafoglio pesante in Commissione. Riformeremo la governance di Bankitalia».
In primo piano

C’è un trucco per imporci aborti e baby trans

Giphy

Un sociologo americano dimostra come si fa a rendere tollerabile una pratica immorale. La chiave è la gradualità: manipolare pian piano le masse finché l'impensabile diventa legale. Già l'hanno fatto con l'uccisione dei feti e con i bimbi travestiti su «Youtube».
In primo piano

Ma quale sfilata per chiedere diritti. I gay pride sono marce di partito

Ansa

Il programma della manifestazione di Milano del 29 giugno parla di fascismo e migranti e l'organizzatore se la prende con il governo. Gli attivisti Lgbt ormai si sono trasformati in un gruppo politico, finanziato da noi.
In primo piano

Massimo Cacciari: «Lotti? Zingaretti ora lo cacci dal Pd»

Ansa

Il filosofo dem: «Il cancro della corruzione ha contagiato la magistratura. La sinistra, a furia di inseguire il centro, è finita prigioniera del centro storico. Torni radicale, anche a costo di allearsi con i 5 stelle».
In primo piano

Caos nomine. È in atto il ritorno al passato

Ansa

Invece del chiarimento che sarebbe necessario, nella magistratura avanza la restaurazione. Approfittando dello scandalo del mercato delle nomine ai vertici delle Procure che ha coinvolto Luca Lotti e alcuni giudici, gli equilibri del sindacato delle toghe, e dunque della stessa magistratura italiana, stanno ritornando al passato, ossia a quando nei tribunali a dettare legge era la corrente di sinistra di Magistratura democratica. Lo so che tutto ciò, a un comune cittadino non addentro alle cose della Giustizia, può sembrare incredibile, ma è ciò che sta accadendo e per capirlo bisogna procedere con ordine. (...)

In primo piano

«Dopo Renzi pubblicherei il libro di Salvini»

L'amministratore delegato della Marsilio, Luca De Michelis: «Non ho la puzza sotto il naso. Se illustrasse la sua visione politica senza fare propaganda sarebbe un contributo per capire il presente. Di mio padre Cesare mi mancano la generosità e i guizzi irreplicabili».
In primo piano

Il direttore di Eleventy: «Gli stilisti hanno il dovere di non inquinare»

Eleventy

  • Marco Baldassarri punta su materiali sostenibili: «Rispettiamo l'ambiente con trattamenti vegetali, canapa e pelle leggera. Stiamo studiando una collezione per il Green Pea, il superstore dove ci saranno solo marchi eco-friendly e biologici».
  • Siviglia reinterpreta i pantaloni con l'Accademia di Brera. Givenchy presenta le giacche tenebrose ispirate a Baudelaire.
  • Giorgio Armani vestirà gli azzurri alle Olimpiadi 2020. L'annuncio è arrivato durante la sfilata Emporio Armani grazie alla partecipazione di atleti e paratleti di diverse discipline.
  • Pucci lascia la sua impronta a Pitti Immagine Uomo. Guarda il video.

Lo speciale contiene quattro articoli.

In primo piano

«La Fiat creata da Agnelli è un falso. Entrò in società all’ultimo momento»

Ansa

Paola Rivolta ha scritto la saga familiare degli Scarfiotti: «Lodovico dal 1899 al 1908 fu il primo presidente dell'azienda. Ma lui e gli altri nobiluomini che la fondarono furono presto dimenticati. E così nacque il mito dell'uomo solo».
In primo piano

Come assicurare la propria casa senza farsi svenare

  • La guida di «SosTariffe» con il paragone fra le principali città A Milano i prodotti più economici, a Napoli la maglia nera.
  • L'agente: «Gli sconti si ottengono lo stesso. State attenti a scoperti e franchigie. Soluzioni ad hoc per chi possiede opere d'arte».

Lo speciale contiene due articoli