La vergine d’America voleva essere sexy - La Verità
Home
In primo piano

La vergine d’America voleva essere sexy

Ansa

La più amata di Hollywood fu a lungo costretta a interpretare il ruolo della ragazza acqua e sapone. Verso la fine della carriera si rifece il seno e indossò vestiti scollati, iniziando a inanellare flirt. Sdoganò l'Aids in tv intervistando Rock Hudson, magro e malato.
In primo piano

Orson Welles rifiutò Marlon Brando e Liz Taylor perché li considerava inguardabili

Getty

Era un genio, ma pazzo, maldicente e privo di buone maniere. Detestava le persone brutte. Per lui Robert De Niro, Dustin Hoffman e Al Pacino erano «nani etnici, con la faccia strana». Di Hollywood disse: «È una fossa di serpenti».
In primo piano

Emblema del pacifista. Henry Fonda collezionava donne e picchiava la moglie

Ansa

Ritenuto tra gli attori di Hollywood più seduttivi e chiacchierati: cinque matrimoni, tante relazioni, immune da scandali e gossip.
In primo piano

Vivien Leigh, la più bella britannica di sempre a cui la felicità è sempre sfuggita

Getty

L'attrice soffriva di una grave sindrome maniaco depressiva che la trascinava in ricoveri ospedalieri e cure, le scatenava voglie sessuali incontenibili e la sprofondò nell'abisso dell'alcolismo. Fino alla morte per la Tbc.
In primo piano

Andreotti e Monicelli nel girone dei golosi

Gettyimages

Lo statista collezionava i menu dei pranzi ufficiali, il regista era ghiotto di tutto tranne che dei panettoni. Tra gli ingordi della storia Honoré de Balzac, che ingurgitò 100 ostriche e 12 costolette, e Carlo Magno, che sbafava quantità enormi di carni rosse, selvaggina e maiale.
In primo piano

Per il Pd pure Jerry Calà è un nemico. La Leonardi: «Cretino senza talento»

Gettyimages

La dirigente esaltata da Matteo Renzi offende su Twitter l'artista, che spiegava di essere snobbato dai registi in quanto non di sinistra. Sui social la inondano di critiche e lei fa perfino la vittima. In perfetto stile Leopolda.
In primo piano

Avati racconta il demonio che è in noi: «Potere e invidia scatenano il male»

Ansa

Il Signor Diavolo, nuovo film del regista che uscirà il 22 agosto, è un ritorno al filone gotico del passato. «C'è anche il tema del sacro. Una volta i preti parlavano di peccato, oggi non lo fa nessuno. Neanche il Papa».
In primo piano

Il daltonico dagli occhi di ghiaccio inseguito dai demoni del sesso omo

Getty

Scampato alla seconda guerra per i problemi visivi, Paul Newman cercò invano l'approvazione paterna nella recitazione. Diventò il più pagato di Hollywood ma fu perseguitato dai gossip sui flirt con mostri sacri come James Dean e Marlon Brando.
In primo piano

Il libertario Clint sfida i talebani pro aborto

Ansa

Eastwood ignora le campagne di boicottaggio e va a girare in Georgia, Stato inviso alla Hollywood liberal per le leggi pro vita.Il suo film sfida i conformismi: è la storia di un agente che sventa un attentato pro life ma viene deriso dai media progressisti.
In primo piano

Il regista trascurato come Oriana. Firenze è matrigna con i suoi geni

Ansa

  • Entrambi, in vita, sono stati incompresi e rifiutati dalla città che avevano nel cuore.
  • Anche dopo la morte gli rimproverano la mancata adesione al pensiero unico. Non amava i pride: «Roba da carnevale» E ha sempre avuto idee pro life: «Sono violentemente contrario all'aborto». Ma questo suo lato lo dimenticano in troppi.
Lo speciale contiene due articoli