La svolta sostenibile di Tim inizia con «Tim Green»

La svolta sostenibile di Tim inizia con «Tim Green»
iStock

«Una nuova linea di soluzioni e servizi a basso impatto ambientale». Tim Green è l'ultima iniziativa dell'azienda di telecomunicazioni italiani. A partire dall'estate il gruppo metterà a disposizione dei propri clienti nuovi prodotti eco-sostenibili che permettano di ridurre significativamente le emissioni nell'atmosfera.

Si partirà dalla vendita di smartphone ricondizionati e della nuova «Sim green» che, oltre ad avere una dimensione dimezzata, sarà realizzata con il 60% di plastica riciclata e un packaging interamente biodegradabile. Grazie all'utilizzo di «Sim green» il consumo di materiale plastico annuo sarà ridotto di circa 13 tonnellate. Per finire, anche modem e telefoni cordless saranno offerti in un'ottica di sostenibilità, adottando criteri di eco-design anche attraverso l'utilizzo di materiali riciclati e riciclabili.

Tim Green comprenderà inoltre misure che vadano incontro alla «circular economy», prevedendo il riciclo degli smartphone usati. Oggi, Tim permette ai clienti di consegnare il proprio device usato e ottenere soluzioni per l'acquisto di un nuovo prodotto, attraverso il programma «Tim Supervaluta». Inoltre, attraverso Tim Next si avvierà un processo virtuoso per la reintroduzione sul mercato di prodotti usati: il cliente può infatti acquistare uno smartphone a rate e, dopo un anno, scegliere se tenerlo, sostituirlo o restituirlo.

Tutto questo si inserisce in un più ampio progetto aziendale di abbattimento dell'emissione di CO2, con l'obiettivo di raggiungere la carbon neutrality entro il 2030.

Tridico cerca un «reddito» nell’Ue. Fratoianni punta su Leoluca Orlando
Pasquale Tridico (Imagoeconomica)
Partiti a caccia di «figurine». Dopo IlariaSalis, Avs ora vuole l’ex sindaco di Palermo.
La Schlein si arrende al Pd: «Divide, non rafforza. No al mio nome sulla lista»
Elly Schlein (Imagoeconomica)
La segretaria fa marcia indietro dopo il caos al Nazareno, ma così mette nei guai gli unici big alleati: Bonaccini e Boccia. Imbarazzo per la presenza in lista di Tarquinio, ex direttore di «Avvenire». De Luca molla la Annunziata: nessun appoggio.
La Corte Ue spegne l’elettrico: costa troppo
(IStock)
  • Secondo i magistrati contabili, per rendere le auto «verdi» alla portata di tutti i prezzi dovrebbero dimezzarsi. Il vero problema è nelle batterie e nel mercato dominato dalla Cina: «L’industria Ue non sta al passo senza sussidi e Pechino è pronta a invaderci».
  • Chery può diventare il secondo produttore. Contratti di solidarietà a Mirafiori fino a settembre.

Lo speciale contiene due articoli.

Il prezzo dei due metalli, fondamentali per lo sviluppo dell’elettrico, si impenna in seguito alle politiche di Pechino, che riempie le sue scorte e contingenta l’export del prodotto raffinato. Rincara pure il nichel.
Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings