La cipolla, elisir che fa piangere dalla felicità - La Verità
Home
In primo piano

La cipolla, elisir che fa piangere dalla felicità

Giphy

Afrodisiaca, esaltata da Giacomo Casanova, era usata per rinvigorire i guerrieri di Carlo Magno e commosse i poeti per la sua bellezza. Ferdinando II, che ne era ghiotto, soffriva di alitosi. A portarla in Calabria furono i fenici: Tropea le ha dedicato perfino un museo.
In primo piano

Tra pinte di birra e gastronomia, l'Irlanda è il Paese da visitare

Contenuto esclusivo digitale

iStock

  • A insegnare agli abitanti della verde isola a bere birra furono con ogni probabilità i celti che sono stati i primi colonizzatori dell'area. La pinta, il tradizionale bicchiere con cui gli irlandesi bevono il loro pane liquido quotidiano, è una sorta di sacro Graal per gli irlandesi: lì dentro ci sta la cultura, la fede, l'idea di vita.
  • Pur essendo un'isola ci sono relativamente pochi piatti di pesce, la carne più consumata non è quella vaccina, ma quella di montone e in subordine di maiale. Il piatto nazionale è l'irish stew che si prepara stufando varie carni insieme con le patate.

Lo speciale comprende due articoli.

In primo piano

L'aperitivo lombardo: i cocktail  incontrano i salumi della tradizione

Contenuto esclusivo digitale

Salumi Pasini

  • Il fenomeno dell'aperitivo nasce nel 1786 con la creazione del vermouth, un infuso abbastanza leggero da essere sorseggiato durante la giornata, per prepararsi alla cena facendo quattro chiacchiere. Cosa accompagnare a questa bevanda? I salumi della tradizione, come ci insegna Salumi Pasini.
  • Il salame campagnolo legato a mano va accompagnato a un buon rosso dell'Oltrepò.
  • Il salame gran filetto legato a mano può essere assaporato con un Franciacorta brut, che ne esalti il sapore fresco e delicato.
  • Lardo e pop corn? Scopri la ricetta gustandoti il cugino bresciano dello spritz: il Pirlo.

Lo speciale contiene quattro articoli.

In primo piano

I carboidrati buoni

Pasta, pane, dolci sono diventati l'ossessione di molti. Ma per una corretta alimentazione gli zuccheri non devono essere cancellati del tutto. L'importante è scegliere quelli con basso indice glicemico: farine integrali, cereali come il farro e l'orzo, le patate bollite oppure cucinate dopo averle lasciate in ammollo come i legumi. Bisogna invece eliminare le bibite.
In primo piano

Capperi, i boccioli che schiudono l’allegria

iStock

l cuoco di papa Leone X li consigliava contro la malinconia e per «far vivace il coito», per Dioscoride e Ippocrate avevano proprietà diuretiche e depurative. In Sardegna curavano le varici, a Salina la raccolta è tradizionalmente affidata alle donne.
In primo piano

Viva l’anguria. È il supercibo dell’estate che fa gioire i patriottici

Bianco, rosso, verde, il grande cocomero rinfresca le giornate più torride e regala energia. Con meno calorie di un gelato e più sali minerali e vitamine rispetto all'acqua.
In primo piano

Il miele, il cibo degli dei promesso a Mosè

Giphy

Il Signore gli affidò la missione di condurre il suo popolo in Palestina, dicendogli che laggiù scorrevano latte e nettare delle api. Per i Greci era il segreto dell'immortalità dei numi dell'Olimpo, per Allah una cura spirituale. I Sumeri lo usavano come cosmetico.
In primo piano

«Il mio menu spaziale per Parmitano: parmigiana, caponata e tiramisù»

Ansa

Lo chef Stefano Polato ha cucinato i piatti per la missione del cosmonauta: «In orbita serve una dieta con antiossidanti per contrastare l'invecchiamento. Ma non bisogna rinunciare alle delizie nostrane, anche se liofilizzate».
In primo piano

Il tacchino dei re aztechi in cerca di riscossa

Giphy

Amato da Montezuma per le piume e la carne, impreziosì i banchetti rinascimentali e sfamò i primi pellegrini giunti in America. Oggi passa sottotraccia, trattato da cibo dietetico, quasi penitenziale. Invece ha mille virtù, come scoprì il cuoco di Pio IV e Pio V.
In primo piano

La criminalizzazione della carne apre il mercato del cibo artificiale

L'allevamento viene accusato di causare tumori all'uomo e danni irreparabili al pianeta. Ma i dati che circolano non tengono conto delle buone pratiche. Intanto i guru salutisti investono negli alimenti sintetici.