Giornata mondiale della salute, PV&F: «Oms garante? Allora siamo a posto»

Giornata mondiale della salute, PV&F: «Oms garante? Allora siamo a posto»
Ansa

«Oggi è la Giornata Mondiale della Salute (World Health Day). Dal 1950 si celebra il 7 aprile per ricordare la fondazione dell'Oms avvenuta il 7 aprile 1948. Ma siamo sicuri che l'Oms sia garante della salute pubblica? La sua credibilità è al minimo: troppi errori nella gestione della pandemia. Ritardi nel riconoscere la trasmissione da persona a persona; ritardi nel dichiarare l'emergenza sanitaria internazionale; aver sconsigliato l'uso di mascherine nella popolazione generale; aver sottovalutato l'importanza degli asintomatici etc» ha dichiarato Toni Brandi, presidente di Pro Vita e Famiglia onlus.

«E per le donne cosa fa l'Organizzazione mondiale della sanità? Vengono adeguatamente informate sull'aborto o sono trattate come scatole e gli embrioni come scarti da eliminare? Con la nostra campagna #dallapartedelledonne abbiamo voluto sottolineare anche la pericolosità legata a certe pratiche. La Ru486, per esempio, può causare gravi emorragie, infezioni, setticemie, distruzione del sistema immunitario, depressione e anche la morte. Chi le informa? L'Oms?» ha continuato la nota.

«D'altronde il primo direttore generale dell'Oms, Brock Chisholm, era uno psichiatra che già ai suoi tempi sosteneva il relativismo più radicale («la reinterpretazione e l'eventuale sradicamento del concetto di giusto e sbagliato sono gli obiettivi ultimi di quasi tutte le psicoterapie») e non teneva in alcuna stima la famiglia. Nulla è cambiato da allora» ha concluso la nota.

I fanatici delle chiusure rivogliono il lockdown che ha devastato i giovani
Michele Serra (Imagoeconomica)
Michele Serra indignato con il governo che «non fa nulla» contro il ritorno del virus. Evidentemente rimpiange le quarantene. Intanto raccogliamo i danni di quella follia.
«Il Papa epura in barba al diritto canonico»
Nel riquadro a sinistra padre Gerald Murray. A destra Papa Francesco (Ansa)
Padre Gerald Murray, massimo esperto statunitense: «L’allontanamento del vescovo Strickland è arbitrario, quello di Burke non ha spiegazioni ufficiali. Il cardinale Hollerich dice che la fede cattolica si sbaglia sui gay? È un sovversivo e deve dimettersi. Eppure è tollerato e promosso».
Edicola Verità | La rassegna stampa del 7 dicembre

Ecco #EdicolaVerità, la rassegna stampa del 7 dicembre con Camilla Conti

Faida tra le Ong dei migranti: le trame don Ciotti-Casarini & C.
Don Ciotti (Imagoeconomica)
Nella corsa ai finanziamenti del Vaticano, Mediterranea entra in competizione con ResQ di Strada e Colombo. Secondo don Mattia Ferrari, il fondatore di Libera è determinante per far pendere la bilancia dalla loro parte.
Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings