Giornata mondiale della salute, PV&F: «Oms garante? Allora siamo a posto»

Giornata mondiale della salute, PV&F: «Oms garante? Allora siamo a posto»
Ansa

«Oggi è la Giornata Mondiale della Salute (World Health Day). Dal 1950 si celebra il 7 aprile per ricordare la fondazione dell'Oms avvenuta il 7 aprile 1948. Ma siamo sicuri che l'Oms sia garante della salute pubblica? La sua credibilità è al minimo: troppi errori nella gestione della pandemia. Ritardi nel riconoscere la trasmissione da persona a persona; ritardi nel dichiarare l'emergenza sanitaria internazionale; aver sconsigliato l'uso di mascherine nella popolazione generale; aver sottovalutato l'importanza degli asintomatici etc» ha dichiarato Toni Brandi, presidente di Pro Vita e Famiglia onlus.

«E per le donne cosa fa l'Organizzazione mondiale della sanità? Vengono adeguatamente informate sull'aborto o sono trattate come scatole e gli embrioni come scarti da eliminare? Con la nostra campagna #dallapartedelledonne abbiamo voluto sottolineare anche la pericolosità legata a certe pratiche. La Ru486, per esempio, può causare gravi emorragie, infezioni, setticemie, distruzione del sistema immunitario, depressione e anche la morte. Chi le informa? L'Oms?» ha continuato la nota.

«D'altronde il primo direttore generale dell'Oms, Brock Chisholm, era uno psichiatra che già ai suoi tempi sosteneva il relativismo più radicale («la reinterpretazione e l'eventuale sradicamento del concetto di giusto e sbagliato sono gli obiettivi ultimi di quasi tutte le psicoterapie») e non teneva in alcuna stima la famiglia. Nulla è cambiato da allora» ha concluso la nota.

Bombe a grappolo sulla base medica. Si vive con lo sguardo sempre all’insù
Foto Niccolò Celesti
Anche se proibiti dalle convenzioni internazionali, i micidiali ordigni sono usati massicciamente dai russi. Circa il 25% di essi resta inesploso nei campi, pronto a uccidere i malcapitati che ci passeranno sopra.
«Zawahiri, l’oculista che voleva l’atomica»
Hamid Mir è il giornalista pakistano che ha intervistato due volte l’ex leader di Al Qaeda ucciso a fine luglio da un drone Usa a Kabul. «La sua morte ha isolato il regime talebano e l’Afghanistan. Era l’uomo chiave per giustificare e amplificare le azioni terroristiche».
«Per la Triplice la previdenza è strumento di pressione politica»
Alberto Brambilla (Imagoeconomica)

L'esperto Alberto Brambilla: «Il sistema anche se non produce incassi su alcune prestazioni dà potere ai Confederali. È assurdo obbligare tutti ad aderire all'Inps, visto che poi per ottenere ciò di cui si ha diritto serve un intermediario».

Il sindacato scorda i lavoratori e punta i pensionati
Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri (Ansa)
Sono il 50% degli iscritti Cgil, il 40% della Cisl e il 25% della Uil: fondamentali i Caf. Così l’occupazione slitta in secondo piano.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings