Corso CNF dedicato a LGBTQI+: «Con il prof. Alpa ora 'indottrinano' anche i professionisti forensi»

«"Indottrinare" i professionisti forensi ormai è una pratica non solo consentita ma addirittura incentivata. Il "Corso sull'inclusione delle persone LGBTQI+ e di origine etnica e razziale diversa dalla maggioranza", pubblicato sulla pagina Facebook del Consiglio Nazionale Forense, è già tutto esaurito e prevede addirittura 18 crediti formativi a chi vi parteciperà giovedì 11 febbraio, alle 14.30, sulla piattaforma Zoom. La propaganda arcobaleno ora deve entrare nelle aule e negli studi che dovranno diventare lo specchio della sopraffazione ideologica. Ma non si dovrebbe assumere una persona perché capace e non perché di un determinato colore o orientamento sessuale? Nel mondo forense non c'è discriminazione e non credo che gli avvocati abbiano bisogno di corsi per capire quello che già prevede l'articolo 3 della Costituzione» ha dichiarato Toni Brandi, presidente di Pro Vita e Famiglia onlus.

«Il corso sarà aperto con una lectio magistralis del Presidente emerito Guido Alpa, il mentore dell'ex premier Prof. Giuseppe Conte, e interverrà il Presidente di Avvocatura per i Diritti LGBTI - Rete Lenford e Hilary Sedu, Vincenzo Mirri. Tra gli aspetti affrontati, fa sorridere quello sui 'punti di forza dell'avvocato inclusivo. La capacità di valorizzare ed attrarre i talenti e comprendere l'evoluzione del mercato e dei clienti. Esperienze dagli studi professionali e dalle aziende'. Insomma l'inclusività come fattore di successo imprenditoriale e professionale. Quindi ci dicono che chi non si adegua a questa visione 'dottrinale' è destinato all'insuccesso e al fallimento? Gli avvocati e quanti lavorano in campo forense non si lascino insegnare la lingua orwelliana del finto rispetto e si ricordino che tutti sono uguali davanti alla legge» ha concluso il vice presidente Jacopo Coghe.

Ansa
Per la «Settimana contro il razzismo» pagata dall'Unar, ente che fa capo alla presidenza del Consiglio, quasi 10.000 euro sono andati a Ruah, onlus sotto inchiesta che diede manodopera a una deputata dem
Ansa
  • I migranti arrivati da gennaio sono il doppio rispetto ai primi due mesi del 2020. In più, una sentenza del tribunale di Roma di fatto ha bloccato i rimpatri e il governo Conte ha esteso i permessi di soggiorno Due segnali di «porte aperte» agli irregolari
  • L'esperto di analisi strategica Gianandrea Gaiani: «A differenza di Spagna, Malta e Grecia, l'Italia tiene i porti aperti ai gommoni e alle navi delle Ong. Ed è rimasta l'unico approdo sicuro per chi gestisce i traffici internazionali di persone»

Lo speciale contiene due articoli

In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti

Nuove storie

Tutte le bugie dette sui vaccini

Featured Homepage

Trending Topics

Change privacy settings