Corso CNF dedicato a LGBTQI+: «Con il prof. Alpa ora 'indottrinano' anche i professionisti forensi»

Corso CNF dedicato a LGBTQI+: «Con il prof. Alpa ora 'indottrinano' anche i professionisti forensi»
Guido Alpa (Ansa)

«"Indottrinare" i professionisti forensi ormai è una pratica non solo consentita ma addirittura incentivata. Il "Corso sull'inclusione delle persone LGBTQI+ e di origine etnica e razziale diversa dalla maggioranza", pubblicato sulla pagina Facebook del Consiglio Nazionale Forense, è già tutto esaurito e prevede addirittura 18 crediti formativi a chi vi parteciperà giovedì 11 febbraio, alle 14.30, sulla piattaforma Zoom. La propaganda arcobaleno ora deve entrare nelle aule e negli studi che dovranno diventare lo specchio della sopraffazione ideologica. Ma non si dovrebbe assumere una persona perché capace e non perché di un determinato colore o orientamento sessuale? Nel mondo forense non c'è discriminazione e non credo che gli avvocati abbiano bisogno di corsi per capire quello che già prevede l'articolo 3 della Costituzione» ha dichiarato Toni Brandi, presidente di Pro Vita e Famiglia onlus.

«Il corso sarà aperto con una lectio magistralis del Presidente emerito Guido Alpa, il mentore dell'ex premier Prof. Giuseppe Conte, e interverrà il Presidente di Avvocatura per i Diritti LGBTI - Rete Lenford e Hilary Sedu, Vincenzo Mirri. Tra gli aspetti affrontati, fa sorridere quello sui 'punti di forza dell'avvocato inclusivo. La capacità di valorizzare ed attrarre i talenti e comprendere l'evoluzione del mercato e dei clienti. Esperienze dagli studi professionali e dalle aziende'. Insomma l'inclusività come fattore di successo imprenditoriale e professionale. Quindi ci dicono che chi non si adegua a questa visione 'dottrinale' è destinato all'insuccesso e al fallimento? Gli avvocati e quanti lavorano in campo forense non si lascino insegnare la lingua orwelliana del finto rispetto e si ricordino che tutti sono uguali davanti alla legge» ha concluso il vice presidente Jacopo Coghe.

La Chiesa e l’Italia, c’eravamo tanto amati
(IStock)
Con il libro «Lo Stivale e il Cupolone», l’ex direttore del «Tg2» Mauro Mazza indaga sulla crisi di uno Stato privo di identità religiosa e dominato da un pensiero unico intollerante. Ma il Vaticano non può chiamarsi fuori: deve rispondere ai bisogni di verità e certezze.
L'allarme della Nato: «Con la guerra in Ucraina mancano le munizioni»
Ansa

Va bene dare armi all’Ucraina, ma qual è il limite oltre al quale le difese delle nazioni europee rimangono sguarnite? Si è parlato spesso di sistemi per la difesa aerea e di droni, ma l'artiglieria rimane fondamentale per il combattimento a terra. In nove mesi gli Usa hanno inviato a Kiev quasi un milione di munizioni da 155 mm, ma gli analisti stimano che ogni giorno vengano sparati da 4.000 a 7.000 colpi, mentre la Russia ne starebbe impiegando circa 20.000.

Lo studio ha registrato un boom di infiammazioni dopo la puntura. Rischio più alto per gli under 30 in seguito al richiamo di Moderna.
Il curioso dietrofront dell’Ordine: «Questionario solo agli odontoiatri»
(IStock)
Il capo dei dentisti di Torino si giustifica sulle domande ai non vaccinati: «Nostra iniziativa, solo per gli iscritti». Eppure, nelle missive non c’è alcuna differenziazione tra gli albi. Davvero i vertici dei medici erano all’oscuro?
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings