Con i bolscevichi non avrei più visto una chiesa aperta in tutta la Russia - La Verità
Home
In primo piano

«In tivù ormai passa solo robaccia. L’unico che fa spettacolo è Fiorello»

Ansa

È morto ieri a Roma a 94 anni Antonello Falqui l'artefice dei successi di «Studio Uno» e «Canzonissima». Ora tutti lo celebrano ma avrebbero dovuto sostenerlo quando, per primo, capì che i grandi varietà erano da tempo entrati in coma.
In primo piano

Svetlana Aleksievic: «È caduto il Muro, ma il comunismo è vivo»

Getty

«Un giorno il fascismo si mostrerà a tutti come un'operetta al confronto di un'ideologia che penetra nel profondo nella natura umana». La scrittrice che ha ispirato la serie tv «Chernobyl» mette in guardia dal pericolo nucleare e dalla follia tecnologica.
In primo piano

La fine misteriosa e tragica dell’ultimo dittatore rosso della Cortina di ferro

Getty

Il voltafaccia dell'Urss, il complotto Cia-Kgb, il «processo farsa». Nella Romania di Nicolae Ceausescu il cambio di regime finì nel sangue.
In primo piano

Cento anni dopo, per volare dall'Europa all'America ci vogliono ancora più di 15 ore

Contenuto esclusivo digitale
  • Da un secolo si vola sopra l'Atlantico, ma i tempi di viaggio restano lunghi a causa di controlli e disposizioni di sicurezza, che da soli, dagli Usa all'Europa e viceversa, sono di quattro ore. E per il profitto si trasformano aeroporti in centri commerciali e si trascura il benessere del passeggero.
  • Un secolo fa mezzo mondo conobbe l'aeroplano grazie all'Italia, ma anche allora la sinistra brontolò.

Lo speciale comprende due articoli.

In primo piano

Resta ancora un muro da abbattere: la censura sugli orrori dell’Urss

Ansa

Non solo gli intellettuali di regime, di «araldi» dell'utopia marxista è tuttora piena la nostra storiografia. Ecco perché, a 30 anni dal crollo della dittatura sovietica, è così difficile alzare la cortina su quell'incubo.
In primo piano

Silvio Pellico è stato rimesso in gabbia. Ed è solo colpa nostra

Wikipedia

A 230 anni dalla nascita nessuno celebra un pilastro dell'identità nazionale. Il motivo? Oggi il suo patriottismo non si porta più.
In primo piano

Enrichetta, Giuseppa e le altre. Le donne che fecero la rivoluzione

La partenza dei coscritti del 1886 di Gerolamo Induno

Protagoniste del nostro Risorgimento, troppe volte misconosciute. Da Enrichetta Caracciolo, nobile napoletana costretta a farsi suora prima di tornare alla vita civile, alla popolana catanese che faceva la cannoniera.
In primo piano

Gli indios non hanno dèi, ma demoni che si venerano con i sacrifici umani

iStock

In un'epoca in cui i riti amazzonici entrano in Vaticano pubblichiamo un estratto dell'ultimo libro della storica Angela Pellicciari. Con il racconto dei culti malvagi che gli evangelizzatori si trovarono davanti nel Nuovo mondo.
In primo piano

La toga comunista che difende la figlia Br col sussidio di Stato

Ansa

Il racconto di Luciano Violante: il padre della brigatista era controverso anche fra i magistrati. Scarcerò il Canaro e difese Abdullah Ocalan. Il suo nome era in una nota di Potere operaio per «impostare politicamente» i processi.
In primo piano

Anita scampò a tutto. Non alla malasorte

Wikimedia Commons

La moglie di Giuseppe Garibaldi è la più celebre delle donne del Risorgimento che hanno combattuto per la libertà. Catturata dall'esercito, fuggì con il figlio al collo. Lasciò il Brasile per Montevideo, poi si precipitò in Italia per partecipare alle rivolte, ma morì di febbre.