La Cina ci ha sfilato le calze. Ora il made in Italy vale 1,5 miliardi, ma detta ancora la linea. Anzi la riga nera - La Verità
Home
In primo piano

La Cina ci ha sfilato le calze. Ora il made in Italy vale 1,5 miliardi, ma detta ancora la linea. Anzi la riga nera

Guida alle novità d'autunno donna e uomo

Contenuto esclusivo digitale
  • Sui 52,8 miliardi di euro di fatturato creati dal comparto tessile moda, solo 1,5 arrivano dalle calze. In Italia il numero di dipendenti del settore si aggira intorno alle 10.000 persone per un comparto che soffre la concorrenza cinese. Il distretto del mantovano che da sempre è il numero uno nella produzione di calze sta perdendo pezzi, regge solo Calzedonia che da tempo ha scelto di diversificare i suoi affari puntando anche sulla moda mare.
  • La moda dell'autunno: animalier, pois e tatuaggi sul polpaccio sono solo alcuni dei dettagli delle collezioni invernali di collant per le donne che ormai si sbizzarriscono in abbinamenti sempre più audaci.
  • Trecento euro per una calzamaglia. Le alternative extra lusso esistono ma il massimo della sensualità resta la semplice autoreggente nera. C'è anche la calza a rete di Sophia Loren, Brigitte Bardot e Marilyn Monroe: indossatela anche nella vita di tutti i giorni.
  • Per l'uomo di classe esiste un'unica alternativa: il gambaletto sotto il ginocchio, in filato sottile e di un colore scuro. Meglio il blu. Il pedalino bianco? Lasciatelo a Tom Cruise.
  • «L'artigianalità di famiglia rimane il cardine della nostra azienda». Gallo conquista il 95% degli italiani con le righe colorate da indossare sulle caviglie. E ora punta allo streetstyle, con spugna e colori fluo.
  • Era il brand preferito da Lady D che con i suoi acquisti dettava l'andamento delle collezioni. Patrizia Giangrossi, amministratore delegato del brand italiano di calze di lusso, Pierre Mantoux, svela le mode del prossimo autunno e la strategia per le capsule.

Lo speciale include sette articoli.

In primo piano

Bruxelles non è la cura ma il paziente che fa ammalare anche gli europei

Ansa

Il sogno dell'Europa di sbarazzarsi degli Stati nazionali è fallito. L'eguaglianza imposta a tutti ha portato malessere e depressione. Eppure i burocrati insistono nel mettere al primo posto il controllo della spesa.
In primo piano

Sei del Pd? Allora puoi odiare i rom

Ansa

Il «Corriere della Sera» intervista un militante democratico di Torre Maura. In strada gridava di bruciare i nomadi, però è di sinistra, dunque «non è razzista, solo stanco».
In primo piano

Cedi sovranità e perdi ricchezza. Alle urne per riparare il sistema Ue

Ansa

Europeismo acritico significa voler perpetuare l'attuale situazione, che impoverisce l'Italia e destabilizza in prospettiva l'euro e i nostri risparmi. L'alternativa è il sovranismo razionale: evita danni e produce benefici.
In primo piano

Il 30% delle leggi italiane è deciso altrove

Ansa

Negli ultimi 5 anni, su 618 provvedimenti normativi adottati, ben 187 sono di matrice europea. Voluti non dall'Europarlamento, l'unico al mondo privo del diritto di iniziativa legislativa. Ma imposti dalla Commissione, composta da non eletti «competenti».
In primo piano

Il re dei flussi di voto: «Salvini dittatore? Macché, al massimo è un dettatore»

Marco Valbruzzi

Il capo dell'Istituto Carlo Cattaneo Marco Valbruzzi: «Ogni big ha interpretato un ruolo: Di Maio è quello che ha cambiato maggiormente».
In primo piano

Morlacco, il formaggio dei nomadi che trovò casa sul monte Grappa

Ansa

Il prodotto nacque nella lontana Dalmazia e fu portato in Italia dalla Serenissima. Le cime sacre, in virtù delle condizioni climatiche, ne divennero la culla. Oggi viene lanciato come volano per l'economia di frontiera.
In primo piano

Con TheCorner.com lo shopping online si fa in negozio

Contenuto esclusivo digitale

iStock

Il dibattito sullo shopping online e offline sembra essere sempre attuale. C'è chi preferisce fare acquisti comodamente sul divano e chi invece non riesce assolutamente a rinunciare all'esperienza in negozio. TheCorner.com nasce proprio dalla necessità di coniugare queste due anime, all'apparenza apposte, regalando ai propri visitatori una «shopping experience» unica nel suo genere.

In primo piano

Ultimo si toglie il passamontagna: racconta «Nikita» Boccassini fino al caso Consip

Contenuto esclusivo digitale

Dalle indagini «alla Moscova» di Milano con una giovane Ilda Boccassini chiamata in codice «Nikita», passando per l'arresto del boss mafioso Totò Riina a Palermo fino all'inchiesta Consip e alle polemiche con l'ex presidente del Consiglio Matteo Renzi. Fermate il Capitano Ultimo! scritto da Pino Corrias (Edizione Chiarelettere) è un libro importante per capire la storia di chi in questi ultimi trent'anni di storia d'Italia ha indagato a fondo sugli incroci tra mafia e politica.