Blasfemia Piazza Sempione: «Le femministe attaccano violentemente una donna e proprio oggi»

Blasfemia Piazza Sempione: «Le femministe attaccano violentemente una donna e proprio oggi»

«Femministe contro la statua di una donna l'8 marzo! É la festa di tutte le donne o di chi decidono loro? Al centro di Piazza Sempione c'è una donna che è attaccata da altre donne proprio oggi 8 Marzo, Festa di tutte noi. Si chiamava Maria. Femministe e centri sociali illiberali e violenti contro chi dicono di difendere hanno mostrato all'uscita della messa l'immagine blasfema di una Madonna a forma di vagina. Ma si rendono conto di quello che fanno? O sono oramai persi nell' ideologia? Ma le donne poi, sarebbero solo la propria vagina?» ha dichiarato Maria Rachele Ruiu, membro del direttivo di Pro Vita e Famiglia onlus, contro la manifestazione blasfema avvenuta a Piazza Sempione, a Roma.

«Siamo vicini al parroco, accusato ingiustamente di omofobia per aver difeso la presenza di questa statua nella piazza. La donna ridotta ai suoi genitali non è quello che combattevamo tutti insieme?» ha continuato Ruiu.

«Una giornata che dovrebbe vedere al centro delle migliori attenzioni le donne si è trasformata in una giornata di vera e propria violenza. Per non parlare dello sciopero che oggi colpisce Roma, dai trasporti agli asili nido. Un'altra vera e propria aggressione alle famiglie, alle donne, che oggi come me si dovranno arrangiare con taxi o organizzandosi il lavoro in maniera diversa. Grazie al progressismo andiamo forte in retorica e demagogia, ma i diritti di tutti e di noi donne non sono affatto difesi né tutelati» ha concluso Ruiu.

La Geo Barents arriva a La Spezia accolta dai poliziotti e da Soumahoro
Ansa
La nave di Medici senza frontiere, con 237 passeggeri, attracca e viene perquisita dalle forze dell’ordine in base alle nuove regole. Sul molo, esponenti del Pd e il parlamentare al centro dello scandalo sulle coop.
Ecco che cosa fare per usufruire del piano ufficializzato ieri dall’Agenzia delle entrate. Occhio alle violazioni non sanabili.
Ipocrisia dem sulle discriminazioni a scuola
Giuseppe Valditara (Ansa)
La sinistra che ha applaudito la sospensione di migliaia di insegnanti non vaccinati adesso attacca Giuseppe Valditara perché osa parlare di stipendi differenziati per aree geografiche. E, dopo non aver fatto nulla quando era in maggioranza, chiede l’aumento per tutti.
L’Ue cerca risorse per opporsi ai maxi piani di sussidi degli Stati Uniti, come l’Ira. Ma già oggi la finanza mostra un minore apprezzamento dei bond comunitari. Rischiamo di trovarci con un altro carrozzone inutile.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings