Vip e chef stellati riscoprono il brodo, l’oro liquido che fa bene alla salute - La Verità
Home
In primo piano

Vip e chef stellati riscoprono il brodo, l’oro liquido che fa bene alla salute

ANSA

È tornato di moda fra i gourmet grazie a locali prestigiosi di New York e Milano e gli studi mostrano i benefici che porta al fisico. Basta non abusarne, come fanno alcune star di Hollywood che seguono una dieta rischiosa.
In primo piano

I 50 euro al portaborse mafioso aggravano i dubbi sulla Occhionero

Ansa

L'assistente della renziana, arrestato per i suoi rapporti con i boss, veniva pagato con un caffè al giorno. Oggi la deputata di Iv spiegherà all'Antimafia perché visitavano le carceri. E le ragioni di uno stipendio da fame.
In primo piano

La Trenta si decide a mollare la casa. Poi fa la martire: «Forse do fastidio»

Ansa

Scaricata dal M5s, l'ex ministro annuncia che lascerà l'alloggio in centro a Roma, richiesto dal marito subito dopo la caduta del governo. L'assegnazione arrivò in appena un mese. La Procura militare indaga.
In primo piano

Una luce sulla sorte di Silvia Romano. È viva, ma in mano a milizie jihadiste

Ansa

La cooperante rapita un anno fa è prigioniera del gruppo qaedista Al Shabaab. Secondo fonti della «Verità» sta bene e si trova nel Sud della Somalia. E, anche se nessuno lo ammette, per salvarla servirà un riscatto.
In primo piano

La Procura militare indaga sulla supercasa della Trenta pagata 540 euro al mese

Ansa

L'ex ministro: «Non me ne vado, ho una vita di relazioni». E sul passaggio della magione al marito: «Faccio risparmiare un trasloco». Esposto dei sindacati ai magistrati ordinari.
In primo piano

La Trenta si tiene la casa da ministro grazie al marito. E grida al complotto

Giacomo Amadori

Dopo il suo addio al governo, l'alloggio è passato al coniuge, maggiore dell'esercito. Ma lei ha già un appartamento a Roma.
In primo piano

Ottenne l’abitazione grazie a carte false. Donna nigeriana deve rispondere di truffa

iStock

Per avere l'affitto, imbrogliò un milanese con finte buste paga da 1.500 euro. Dopo l'archiviazione, un giudice riapre il caso.