Arriva il governo dell’invasione

Ci mancava solo Massimo D'Alema a far da levatrice al governo della vergogna. Ma l'ex presidente del Consiglio ed ex ministro degli Esteri che andava a braccetto con gli hezbollah, alla fine è arrivato a benedire la nascita di un nuovo esecutivo 5 stelle-Pd. Lo ha fatto ricordando che 24 anni fa un colpo di mano, sotto gli occhi compiaciuti di Oscar Luigi Scalfaro, portò alla nascita del governo di Lamberto Dini, mettendo in un angolo Silvio Berlusconi, che aveva vinto le elezioni del 1994, e aprendo la strada alla successiva vittoria di Romano Prodi.
iStock
Via all'aggiornamento del paniere dei beni sul quale presumere il tenore di vita dei contribuenti. Ma la stangata è dietro l'angolo.
Saverio Raimondo (Sergione Infuso/Corbis via Getty Images)
Il protagonista de Il satiro parlante: «Il moralismo d'accatto che ci circonda m'ispira, sono un saltatore d'ostacoli. Trovo ipocriti i colleghi che elencano tutti i casi di censura. Fedez? Lì forse pure troppa libertà».
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings