Tiramisù, il dolce che vanta mille «papà» - La Verità
Home
In primo piano

Tiramisù, il dolce che vanta mille «papà»

Il Veneto rivendica la primogenitura con lo «sbatutin» di uova e zucchero, ma il Friuli sostiene d'aver inventato la ricetta e il nome. In Marocco c'è la versione con cous cous e datteri, in Cina quella con il tè verde. A Gemona la misura da Guinness: 3.015 chili di delizia.
In primo piano

Nelle alici il segreto degli acuti di Caruso

iStock

I grandi tenori come lui e Tito Schipa le usavano come lubrificanti delle corde vocali. Pesce umile, sfama il popolo da tempo immemore I legionari romani adoperavano una pasta di acciughe che rinveniva sul fuoco. Tra i patrizi in auge il garum, una miscela di pescato.
In primo piano

Cocktail, «polibibita» dei futuristi che oggi si beve anche mangiando

Pixabay

Lanciato a New Orleans alla fine del Settecento, durante il fascismo fu ribattezzato con nomi bizzarri. Famosi il Bellini di Giuseppe Cipriani e il Bloody Mary di Hernest Hemingway, ma adesso tra i giovani il must è lo spritz.
In primo piano

Liquirizia, l’arma di conquista di Casanova

iStock

Il seduttore la usava come «aiutino» negli incontri erotici. Le legioni di Annibale utilizzavano i rametti per sopportare la fatica. Napoleone curava la gastrite da stress. Furono i domenicani, nel 1400, a esaltarne le doti benefiche sotto forma di tisane e pomate.
In primo piano

Dissetatèvi! Tiene svegli e giovani: dopo l’acqua è la bevanda più nota al mondo

IStock

Caldo o freddo, ossidato o fermentato, coltivato in Cina o nell'area indiana in numerose varietà diverse, l'infuso è un toccasana a ogni latitudine La differenza sta nei metodi che ogni Paese utilizza per lavorare le foglie.
In primo piano

Rosmarino, l’antirughe della regina Isabella

Ansa

La sovrana d'Ungheria, grazie alla lozione a base della profumata erba, si ritrovò a 72 anni la pelle di una ventenne. L'elisir andò a ruba: Luigi XIV lo volle per curare la gotta. Egizi, Greci e Romani lo usavano nei riti funebri: era il simbolo dell'eternità.
In primo piano

Tra pinte di birra e gastronomia, l'Irlanda è il Paese da visitare

Contenuto esclusivo digitale

iStock

  • A insegnare agli abitanti della verde isola a bere birra furono con ogni probabilità i celti che sono stati i primi colonizzatori dell'area. La pinta, il tradizionale bicchiere con cui gli irlandesi bevono il loro pane liquido quotidiano, è una sorta di sacro Graal per gli irlandesi: lì dentro ci sta la cultura, la fede, l'idea di vita.
  • Pur essendo un'isola ci sono relativamente pochi piatti di pesce, la carne più consumata non è quella vaccina, ma quella di montone e in subordine di maiale. Il piatto nazionale è l'irish stew che si prepara stufando varie carni insieme con le patate.

Lo speciale comprende due articoli.

In primo piano

L'aperitivo lombardo: i cocktail  incontrano i salumi della tradizione

Contenuto esclusivo digitale

Salumi Pasini

  • Il fenomeno dell'aperitivo nasce nel 1786 con la creazione del vermouth, un infuso abbastanza leggero da essere sorseggiato durante la giornata, per prepararsi alla cena facendo quattro chiacchiere. Cosa accompagnare a questa bevanda? I salumi della tradizione, come ci insegna Salumi Pasini.
  • Il salame campagnolo legato a mano va accompagnato a un buon rosso dell'Oltrepò.
  • Il salame gran filetto legato a mano può essere assaporato con un Franciacorta brut, che ne esalti il sapore fresco e delicato.
  • Lardo e pop corn? Scopri la ricetta gustandoti il cugino bresciano dello spritz: il Pirlo.

Lo speciale contiene quattro articoli.

In primo piano

I carboidrati buoni

Pasta, pane, dolci sono diventati l'ossessione di molti. Ma per una corretta alimentazione gli zuccheri non devono essere cancellati del tutto. L'importante è scegliere quelli con basso indice glicemico: farine integrali, cereali come il farro e l'orzo, le patate bollite oppure cucinate dopo averle lasciate in ammollo come i legumi. Bisogna invece eliminare le bibite.
In primo piano

Capperi, i boccioli che schiudono l’allegria

iStock

l cuoco di papa Leone X li consigliava contro la malinconia e per «far vivace il coito», per Dioscoride e Ippocrate avevano proprietà diuretiche e depurative. In Sardegna curavano le varici, a Salina la raccolta è tradizionalmente affidata alle donne.
In primo piano

Viva l’anguria. È il supercibo dell’estate che fa gioire i patriottici

Bianco, rosso, verde, il grande cocomero rinfresca le giornate più torride e regala energia. Con meno calorie di un gelato e più sali minerali e vitamine rispetto all'acqua.