dati covid

Aifa ha nascosto i dati sui pericoli dei vaccini
Pierpaolo Sileri (Imagoeconomica)

Informazioni negate pure al viceministro Pierpaolo Sileri, che avanzava dubbi sulle fasce d’età alle quali somministrarli. Silenzio anche sulle cure con plasma e monoclonali. E il Cts segretava i documenti persino ai suoi componenti.

Lodano i divieti che hanno provocato un boom di malati e di giovani violenti
Roberto Battiston (Ansa)
Il fisico RobertoBattiston elogia le «dure restrizioni», che non hanno fermato il virus ma hanno portato a trascurare altre patologie. E ora persino «Repubblica» si accorge che, dopo le chiusure, si sono moltiplicate le baby gang.
Il «trucco» nei dati dell’Iss con cui giustificano obblighi e caccia ai no vax
Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto superiore di sanità (Ansa)
Nei bollettini una correzione statistica altera i risultati, fornendo i titoli a giornali e tg. Così si sparge paura anziché informazione.
Obblighi e divieti sono stati imposti grazie a numeri opachi e atti di fede
Il ministro della Salute, Roberto Speranza (Ansa)
Le restrizioni devono essere valutate in base a dati chiari. Eppure, quelli forniti dagli «esperti», sventolati per giustificare ogni diktat, sono manipolabili. Il «Bmj» conferma: «Su vaccini e terapie servono cifre grezze».
«I dati dell’Iss sono troppo opachi». Tutto quello che manca  nei report
Antonello Maruotti (Ansa)

Nei documenti ufficiali numeri generici e parziali che occultano le differenze di rischio per i più giovani. Il prof Antonello Maruotti: «Informazioni aggregate e nulla sui bimbi. Sotto i 40 anni la mortalità è dello 0,00038%».

Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Preferenze Privacy