bce tassi

La Bce si decide: a giugno giù i tassi
Il vicepresidente della Bce Luis De Guindos (Ansa)
Per il vicepresidente De Guindos il taglio è già un «fatto compiuto». Ma la Germania si mette in mezzo: «Prima dobbiamo essere certi che l’inflazione arrivi al 2%».
La Lagarde tiene l’Ue nell’incertezza dei tassi
Christine Lagarde (Ansa)
Nessun taglio nella riunione della Bce, ma la decisione non è stata presa all’unanimità: probabile una riduzione del costo del denaro a giugno legata però a dati che non sono citati. Berlino frena. Il presidente finge di ignorare i rischi di un disallineamento con la Fed.
Nell’Ue calano solo i salari italiani
Christine Lagarde (Ansa)
Nel Belpaese retribuzioni giù dello 0,1% annuale, nell’Eurozona sono salite del 3,4% Il dato continentale, in ogni caso, toglie gli alibi alla Banca centrale sul taglio dei tassi.
Da noi siamo allo 0,8%, in Germania al +2,5% e in Francia al 2,9%. Buoni segnali da Pil e debito che, con meno austerità, scende più degli altri al netto degli interessi.
A dicembre l’indice del carovita ha segnato lo 0,5% contro il 2,9% dell’Eurozona. Dipende dal maggior calo dei costi energetici, ma anche dalla nostra economia che ha trasmesso in modo meno invasivo gli aumenti del gas sugli altri settori e sui servizi.
Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings