Scuola, PV&F: «C’è bisogno, prima di domani, di un concorso per titoli e servizio»

Scuola, PV&F: «C’è bisogno, prima di domani, di un concorso per titoli e servizio»
Ansa

«La chiamavano la Buona Scuola, poi è diventata la Scuola online, la Scuola a metà, e ora più che mai senza insegnanti. C'è bisogno, prima di domani, di un concorso per titoli e servizio per partecipare all'anno di prova abilitante e formativo perché i precari siano stabilizzati in accordo con la direttiva Europea 70/99/CE» hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita e Famiglia onlus.

«Riteniamo inoltre che con l'assunzione da graduatorie di istituto, già comprensiva di titoli e servizi, si otterrebbe anche il beneficio della copertura di tutte le cattedre necessarie già a partire dal 1 settembre. Per non parlare dell'aiuto che si darebbe a quelle famiglie dove l'unico sostentamento è il lavoro di un genitore docente ad oggi precario» hanno proseguito.

«L'emergenza Covid ha fatto venire a galla i problemi della scuola che non sono più rimandabili, Considerato che per colpa della pandemia i nostri bambini e ragazzi non hanno il supporto educativo e culturale che serve alla loro formazione, garantire la continuità didattica è più che mai urgente» ha concluso la nota di PV&F.

Luc Merenda: «Mi dicono strano perché sono vero»
Luc Merenda (Getty Images)
L’attore: «Ho lasciato il poliziesco quando ho capito che il limone era spremuto. In Francia ero così popolare che sarei potuto diventare presidente. I miei incontri in ascensore con Romy Schneider e Brigitte Bardot».
Chris Van Tulleken: «I cibi ultraprocessati spesso si travestono da alimenti salutari»
Nel riquadro, Chris Van Tulleken (IStock)
Il medico: «Stiamo alla larga da yogurt aromatizzati, barrette proteiche e cereali con i personaggi dei fumetti sulla confezione. Anche il pane integrale può essere nocivo».
Washington si avvicina a Nairobi (e dà una stoccata a Pechino)
Joe Biden e il presidente keniota William Ruto (Ansa)

Gli Stati Uniti stanno rafforzando i rapporti con il Kenya. La scorsa settimana, Joe Biden ha ricevuto alla Casa Bianca il presidente del Paese africano, William Ruto. Una mossa volta principalmente a contrastare l'influenza cinese in loco.

Sono i narcos gli arbitri del voto in Messico
(Ansa)
Il 2 giugno i cittadini sceglieranno il nuovo presidente e rinnoveranno le Camere. Con 25 candidati uccisi finora, questa campagna può diventare la più violenta di sempre. Colpa dei cartelli della droga, che hanno allargato il business al turismo e all’immobiliare.
Le Firme

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings