Il docufilm, «Covid 19: dodici mesi di pensiero critico»

Blue Theme

Scuola, PV&F: «C’è bisogno, prima di domani, di un concorso per titoli e servizio»

Scuola, PV&F: «C’è bisogno, prima di domani, di un concorso per titoli e servizio»
Ansa

«La chiamavano la Buona Scuola, poi è diventata la Scuola online, la Scuola a metà, e ora più che mai senza insegnanti. C'è bisogno, prima di domani, di un concorso per titoli e servizio per partecipare all'anno di prova abilitante e formativo perché i precari siano stabilizzati in accordo con la direttiva Europea 70/99/CE» hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita e Famiglia onlus.

«Riteniamo inoltre che con l'assunzione da graduatorie di istituto, già comprensiva di titoli e servizi, si otterrebbe anche il beneficio della copertura di tutte le cattedre necessarie già a partire dal 1 settembre. Per non parlare dell'aiuto che si darebbe a quelle famiglie dove l'unico sostentamento è il lavoro di un genitore docente ad oggi precario» hanno proseguito.

«L'emergenza Covid ha fatto venire a galla i problemi della scuola che non sono più rimandabili, Considerato che per colpa della pandemia i nostri bambini e ragazzi non hanno il supporto educativo e culturale che serve alla loro formazione, garantire la continuità didattica è più che mai urgente» ha concluso la nota di PV&F.

Finitela con la balla dell’uomo tonto. Alla donna serve il cervello maschile
(Ansa)
Oggi le attiviste ci rifaranno una predica sulle signore «multitasking» e i partner cognitivamente limitati. Una bugia da smontare per un 8 marzo più sano: sì, le nostre menti sono diverse. Ma sono complementari.
Usano anche il divieto di fumo pur di deviare l’attenzione dall’indagine sulla zona rossa
Getty Images
Il ministro Orazio Schillaci sconfessa la bozza: «Mai vista». Il dipartimento guidato da Giovanni Rezza che l’ha realizzata era responsabile del piano pandemico. E la polemica ha oscurato l’inchiesta.
Tre anni fa Conte ci rinchiuse in casa tentando di coprire la sua incapacità
Getty Images
L’8 marzo 2020 il premier grillino e Roberto Speranza iniziarono a imporre divieti calpestando la Costituzione con la scusa della guerra al virus. In realtà sarebbe bastato permettere le cure e le autopsie allora proibite.
«No ai tamponi» quando servivano
Franco Locatelli (Ansa)
Mentre il morbo poteva essere tracciato, gli esperti bocciavano i test. Per Franco Locatelli (Cts) farli agli asintomatici era inutile: «Non contagiano». Cambiò idea, ma ormai era tardi.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings