Quei giovani ambiziosi impegnati a fiutare il profumo del comando

La carica dei portavoce quarantenni indaffarati a tutelare e soprattutto a dare visibilità al «capo». E pure a prendersi la responsabilità dei suoi errori. Sabato scorso la prima infornata. Ed eccomi oggi alla seconda, e ultima per ora, rassegna dei più influenti portavoce del mondo politico italiano. Come si sa, tutto è cambiato nei palazzi del potere e dietro i nuovi ministri ci sono professionisti nell'ombra: alcuni vecchi mestieranti, altri professionisti dignitosi e consumati, ma soprattutto giovani ambiziosi, che fiutano il profumo del comando, impegnatissimi a tutelare «il capo» e a coltivare tattiche e strategie. Ecco chi sono, anche con i loro recapiti, se tra i lettori ci fosse qualcuno desideroso di contattarli...
Luca Barbareschi (Getty images)
L'attore e regista: «Un pugno di multinazionali decidono di cosa si nutrono le menti di miliardi di persone. E noi, nonostante il nostro patrimonio culturale, siamo succubi. La Rai può ribellarsi producendo più contenuti nazionali da vendere. Ma Draghi deve decidersi»
Daniele Franco (Ansa)
La misura, a cui il M5s non vuole rinunciare, probabilmente non rientrerà nel Sostegni bis. E la discussione sull’Irpef, iniziata ieri nelle commissioni riunite, creerà nuove tensioni. Domani il Consiglio dei ministri
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti

Nuove storie

Trending Topics

Change privacy settings