Mattarella ringrazia Ue e Papa. Glissa sul governo

True

Quattordici lunghissimi minuti di tradizionale predica, resa ancora più retorica dal Coronavirus. Così, Sergio Mattarella, nel suo discorso di fine anno non ha risparmiato nulla di ciò che si poteva agevolmente immaginare. Intanto, il consueto repertorio eurolirico, omettendo di menzionare la fuga in avanti tedesca sui vaccini. Elogi sperticati a Bruxelles, capace di compiere un balzo in avanti, con l'Italia definita "protagonista in questo cambiamento" rispetto alle risposte inadeguate che l'Europa diede anni fa alla crisi finanziaria. Sul fronte interno invece un astuto tentativo di muoversi su due binari: Conte potrà ricavarne la sensazione di essere stato implicitamente puntellato dalla richiesta presidenziale di unità, ma Matteo Renzi e gli avversari del premier potranno obiettare che da parte del Capo dello Stato non sia giunta alcuna difesa esplicita del governo, anzi nemmeno una marginale menzione.

Gad Lerner (Getty images)
Smontata la campagna sulla «strage silenziosa». Inesistente il nesso tra decessi e condotte nelle strutture, tra cui il Trivulzio
Ansa
Anche da noi si conferma la tendenza che vuole i progressisti dominanti nelle grandi città. Ma essere esclusi dalle metropoli significa non contare dove si fabbrica il discorso pubblico. E occhio alla macchina del fango: continuerà pure dopo le urne
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie

Omicidi irrisolti: i dati Istat

Pillole di numeri

I radar italiani e la guerra fredda

Contenuto Esclusivo Digitale
Trending Topics
Change privacy settings