Mai senza mascara: il beauty punta tutto sui prodotti per le ciglia. Che piacciono anche a Beckham - La Verità
Home
In primo piano

Mai senza mascara: il beauty punta tutto sui prodotti per le ciglia. Che piacciono anche a Beckham

Contenuto esclusivo digitale

Giphy

  • Il mercato dei prodotti di bellezza per gli occhi è in continua crescita. Nel 2017 l'incasso è stato di 370 milioni di euro, in aumento del 2% rispetto al 2016. A trainare il settore è il mascara, seguito da eyeliner e matita e ombretti. Tra i trend in crescita spiccano i prodotti bio e le ciglia finte.
  • Il mascara diventa «manscara» e conquista anche il pubblico maschile. Lo usano il frontman dei Maneskin ma anche il sex symbol David Beckham. A lanciare la moda del make up per gli uomini, nel 2008, fu Ysl che lanciò sul mercato una selezione di cosmetici che includevano, oltre al mascara, anche il «guy-liner» e una versione maschile del correttore Touche eclat, dall'effetto opaco e senza profumo.
  • L'ultima moda: cambiarsi il colore degli occhi in base al trucco. Il mercato delle lenti a contatto spopola oltreoceano dove le star e le influencer abbinano le tonalità dell'ombretto a quelle delle iridi.
  • Il Cosmoprof di Bologna, la fiera dedicata alla bellezza, ricorda il genio di Leonardo da Vinci, a 500 anni dalla sua morte.

Lo speciale contiene quattro articoli e due gallery fotografiche.

In primo piano

Mamme e papà, non siate mai democratici

Una famiglia funziona se ci sono gerarchie: non bisogna lasciare che i piccoli insultino chi dovrebbe educarli. Invece la società di oggi li convince che hanno il diritto di essere resi felici. L'obbedienza? Un'utopia, nell'era in cui sono fluidi persino i generi.
In primo piano

Cresce la Meloni, cade Forza Italia. Il Pd di Zingaretti sorpassa i grillini

Ansa

  • Matteo Salvini parla nella notte con un rosario in mano: «Il governo va avanti, però al centro ci saranno i nostri temi». I democratici si fermano al 22%, ma riscattano il tonfo di Matteo Renzi nel 2018. Emma Bonino non supera la soglia del 4%.
  • Piemonte verso il centrodestra: Alberto Cirio è in vantaggio. Sergio Chiamparino (centrosinistra) è dato tra il 36,5 e il 40,5. Il suo avversario al 45-49. Affluenza boom in Europa, da noi inferiore al 2014.

Lo speciale comprende due articoli.

In primo piano

In Ungheria c’è solo Orbán. Fidesz arriva al 56%. «Mi ispiro al modello Italia»

Ansa

  • Il premier magiaro guadagna un altro 4%: è il simbolo del sovranismo continentale. Ha messo al centro famiglia e lotta all'immigrazione. Pronto l'asse con la Lega.
  • Vola il Brexit party di Nigel Farage. I gretini trascinano i Verdi tedeschi. L'euroscettico britannico quasi al 32%. In Germania Angela Merkel giù di 7 punti. A picco l'Spd, in risalita la destra di Afd In Spagna conferma per Pedro Sánchez. In Grecia Alexis Tsipras perde e si dimette.

Lo speciale comprende due articoli.

In primo piano

In Francia è cambiato il vento. Sorpasso della Le Pen su Macron

Rassemblement national si attesta sul 23,5% e la fondatrice chiede di sciogliere subito il Parlamento. L'Eliseo si trincera e parla di «risultato onorevole», tuttavia il plebiscito contro il presidente è palese.
In primo piano

Il re di Hollywood malato di sesso che ridusse in schiavitù James Dean

Giphy

Marlon Brando, ilsex symbol d'America fece passare dal suo letto le attrici e gli attori più famosi. Sul set era inarrivabile ma diceva: «Non è arte, solo soldi e m...». Si definì «padre fallito» quando un figlio commise un omicidio.
In primo piano

Il grande silenzio sui rischi per chi abortisce

Finalmente tradotto in italiano Hush, il documentario (girato da una regista femminista) che illustra le conseguenze negative dell'interruzione di gravidanza: dalla maggiore possibilità dei tumori al seno, alle nascite premature, fino ai danni psicologici.