Un Conte decaduto si offre al Pd - La Verità
Le Firme
In primo piano

Un Conte decaduto si offre al Pd

Ansa

L'avvocato del popolo scorda di aver governato con il Carroccio e attacca a testa bassa il vicepremier. Poi sfodera un discorso da insediamento: sogna di fare il bis con l'appoggio della sinistra.

In primo piano

I giudici Ue ci impongono i profughi violenti

Getty

La Corte di giustizia dell'Unione ha accolto il ricorso di un afgano cacciato da un centro di accoglienza in Belgio per il suo comportamento. La protezione non si può perdere, anche se si mette a rischio l'incolumità altrui. Nuovo schiaffo alla sicurezza.
In primo piano

La Roma fascista che brucia le librerie? Era un’altra balla

Ansa

Dovete sapere che ho un amore spassionato per Christian Raimo, scrittore all'insaputa dei lettori che passa il proprio tempo a escogitare espedienti per farsi notare. La prima volta che ho saputo della sua esistenza fu un paio d'anni fa, durante un programma televisivo che all'epoca conducevo su Rete 4. Raimo si era portato da casa un cartello che espose all'improvviso in favore di telecamere, mentre Alessandro Sallusti stava parlando di immigrati: «Non c'avete un altro servizio sui negri cattivi?».

In primo piano

Serve il «fine pena mai», non i premi agli assassini

Ansa

La storia di Antonio Cianci andrebbe letta e riletta. Anzi, imparata a memoria. Non nelle aule scolastiche, ma in quelle di tribunale. In particolare, andrebbe declamata nell'aula della Corte costituzionale come la storia esemplare del perché un ergastolo debba essere un ergastolo e non una vacanza premio.

In primo piano

Due ex democristiani uniti da parecchie cose che non tornano

Ansa

Non conosco Vincenzo Scotti, e nemmeno mi è mai capitato di incontrare Paolo Gentiloni. La ragione della mancata frequentazione dei due è che in generale più sto alla larga dai politici e meglio mi sento. Dunque, non avendo incontrato l'ex ministro dell'Interno della prima Repubblica e nemmeno l'ex presidente del Consiglio della seconda, non so dire quale rapporto li leghi, se non quello di essere entrambi vecchi democristiani, passati nel corso degli anni attraverso più partiti.

In primo piano

Capolavoro giallorosso: Arcelor Mittal molla l’Ilva, 15.000 lavoratori a terra

Ansa

Invece dell'Iva, il governo ha fermato l'Ilva. Nato per impedire che scattassero le clausole di salvaguardia, il Conte due al contrario ha fatto saltare la clausola che doveva garantire l'immunità ai manager dell'azienda e il salvataggio della più grande industria siderurgica italiana, con la conseguenza che ora 15.000 persone rimarranno senza lavoro in alcune delle aree più depresse del Paese.

In primo piano

Il Bullo tira a campare sparando su Giuseppi

Ansa

Il Rottamatore dice che si può andare avanti anche con un altro premier e stronca la manovra: peccato che l'abbia votata pure lui. Visto che il suo partito è inchiodato al 5%, l'unico modo per non scomparire è inventarsene ogni giorno una più grossa.
In primo piano

Il Conte bis tassa gli italiani ma dona 24 milioni a Radio Radicale

Ansa

Provate a immaginare se io domani decidessi di pubblicare, insieme con La Verità, un inserto che riproduce le leggi che già vengono pubblicate dalla Gazzetta Ufficiale. Secondo voi, avrei diritto di chiedere allo Stato di pagare la stampa del mio giornale in quanto l'ho trasformato in quotidiano di servizio pubblico? E se decidessi di mettere sul sito Web della Verità le sedute del Parlamento e magari pure le riprese video dei principali processi, secondo voi potrei rivendicare di aver svolto un servizio per la collettività e dunque richiedere il rimborso delle spese? Ovvio che no, e se lo facessi riceverei una pernacchia per risposta.

In primo piano

Trump è montato sul carro armato e il premier rischia di essere travolto

Ansa

Giuseppi ha sottovalutato un particolare. Adesso che l'indagine Usa sul Russiagate è diventata penale, si innescheranno interrogatori e richieste di documenti. Quindi o vuota il sacco ora, o presto si troverà nei guai.
In primo piano

Alzare le pene agli evasori serve solo a intercettare di più

Ansa

Carlo Nordio è sempre un uomo di buon senso. Da lui, che negli anni Novanta perseguì la tangentopoli veneziana, ho imparato che è inutile alzare le pene quando poi nessuno finisce in carcere. Minacciare anni e anni dietro le sbarre non serve a impedire che i reati vengano commessi se poi le condanne non diventano esecutive perché sono prescritte. Meglio eliminare (...)