L’Onu cede e cancella il niet sul cibo italiano

L’Onu cede e cancella il niet sul cibo italiano
L'assemblea toglie i prodotti cardine della dieta mediterranea dall'elenco degli alimenti che possono rappresentare un rischio per la salute. Sconfitta la lobby delle multinazionali, che sta cercando di sostituire gli ingredienti naturali con quelli chimici.
Liguria, inno d’amore del gastronarratore
Mario Soldati (Ansa)
Mario Soldati vi ha vissuto metà della sua vita. Per lui era la Regione regina, cui ha dedicato anche un libro. Curioso dei piatti più poveri come la fainà, «che i competenti chiamano umile e forse disprezzano perché costa poco, ma è più raffinata della fonduta».
«Se Dio esiste davvero ci liberi dall’incubo dei libri di Carofiglio e Baricco»
Quirino Principe
Il critico musicale e letterario: «La narrazione degli ecclesiastici non mi convince Il demonio invece è più comprensibile. Io massone? Ci mancherebbe solo questo».
La Premier è uno show costruito per la tv e oggi spende 30 volte più della Serie A.
I vermi nel piatto fanno business. Ecco le aziende pronte a sfruttarlo
iStock
La Ue, sollecitata dalle multinazionali della nutrizione, ha dato in fretta il via libera al «novel food». Ancora ignoti i rischi. La farina di grilli costa 100 euro al chilo, quella di grano 1,50. E tanti produttori si riconvertono.
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Change privacy settings