Il Regime in Redazione in edicola con La Verità e Panorama

Default Theme

Spaccature profonde ma Salvini rilancia: «Riforma della giustizia»

Spaccature profonde ma Salvini rilancia: «Riforma della giustizia»
Ansa

Anche oggi Lega e 5 stelle metteranno in scena la rappresentazione di una rottura. Nel Consiglio dei ministri di questa mattina verrà messo ai voti il caso Siri e i due alleati voteranno uno contro l'altro. I leghisti diranno no alle dimissioni del sottosegretario ai Trasporti, che guarda caso oggi potrebbe essere sentito dalla magistratura per i suoi contatti con un imprenditore in affari con un tizio ritenuto mafioso. I grillini, invece, approveranno il licenziamento dell'onorevole salviniano, rimosso a furor di giustizialismo dopo un'escalation di parole. Lo scalpo di Siri serve a Luigi Di Maio e compagni per risalire nei sondaggi, che negli ultimi tempi davano il Movimento prossimo alla soglia psicologica del 20 per cento, cioè alla pari con il Pd. E in effetti, secondo gli esperti di rilevazioni, negli ultimi giorni, con l'alzarsi del tono della polemica con Salvini, qualche decimale è stato guadagnato e ciò probabilmente convincerà i pentastellati (...)

In Qatar si rispettano tutte le religioni, ma ci si dimentica di quella cristiana
La nazionale tedesca in Qatar (Ansa)

Il Paese è al diciottesimo posto tra quelli in cui i cristiani sono più perseguitati. E mentre la Fifa presta attenzione a non offendere musulmani, chi si interessa alle altre minoranze?

Open Arms, ecco le carte nascoste dai pm
Matteo Salvini (Ansa)
La relazione del sottomarino italiano tenuta nei cassetti da nove Procure e poi acquisita nel processo palermitano a Salvini «Il barcone non stava affondando quando è stato soccorso dalla Ong. Sospetti su possibili accordi con i trafficanti di uomini»
«Mandai a quel paese Al Pacino sul set. I Beatles, che scoop»
Geroge Harrison (Ansa) in uno scatto di Emilio Lari (nel riquadro)
Il celebre fotografo Emilio Lari si racconta: «Andavo a cena con De Niro truccato da vecchio. I tour più divertenti coi film di Vanzina».
Germania spaccata sulla cittadinanza facile
Olaf Scholz (Ansa)
Il Paese è a corto di lavoratori e il governo Scholz si appresta a tagliare i tempi per gli immigrati che vogliono diventare tedeschi. Ma, nella maggioranza, i liberali non sono d’accordo: «Troppa fretta». Insorge anche l’opposizione: per la Cdu «è una svendita».
Le Firme
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti
Nuove storie
Trending Topics
Change privacy settings