In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti

Nuove storie

Change privacy settings

La Lega calcio chiede 2 miliardi di euro di danni per lo scandalo Infront

True

Una richiesta di 2 miliardi di euro di danni alla Img, una delle società che gestirono dal 2008 al 2014 i diritti del calcio di serie A. E' questa l'ultima mossa della Lega Calcio come di Torino, Fiorentina e Chievo, che hanno deciso di rivalersi contro quel cartello di società, tra cui la Mp Silva di Riccardo Silva e la Domino holding di Marco Bogarelli, che furono messe sotto inchiesta dalla procura di Milano nel 2014 quando l'advisor era Infront. Poi nel 2018 i procuratori Paolo Filippini e Giovanni Polizzi decisero di archiviare il caso, dopo che il gip aveva spiegato che si trattava di una questione tra privati. Le accuse erano di associazione a delinquere, truffa, turbativa d'asta, riciclaggio e autoriciclaggio. Sotto indagine erano finiti anche l'ex amministratore delegato del Milan Adriano Galliani e il presidente del Genova Enrico Preziosi. La Lega calcio ha quantificato il danno in 1,5 miliardi di euro, mentre Torino, Fiorentina e Chievo chiedono 500 milioni di euro. Per inciso la situazione dei viola è la più particolare, perché la causa è stata promossa da Diego Della Valle che ha posto questa condizione prima della vendita a Rocco Commisso.

Del resto i danni ai club sono stati consistenti come è stato evidenziato nei bilanci. E il fatto che quelle gare per i diritti televisivi erano falsate è stato confermato da una sentenza dell'Antitrust dell'aprile dello scorso anno. Nelle prossime settimane è attesa la sentenza del consiglio di Stato. Sulla causa civile potrebbe pesare comunque l'archiviazione del procedimento penale. Ma l'anno scorso l'autorità garante della concorrenza e del mercato stabilì sanzioni per un totale di 67 milioni di euro nella requisitoria firmata dal presidente Gabriella Muscolo. Dal 2008, si legge nella sentenza, «la partecipazione alle gare è stata oggetto di un'intesa restrittiva della concorrenza posta in essere da alcuni operatori riconducibili a Mp Silva, Img, e B4 Capital/Be4 Sarl/B4 Italia». In quegli anni fu favorito un gruppo di aziende che non solo ha tolto risorse alle squadre, ma ha anche danneggiato le entrate del fisco italiano.

L'Authority aveva confermato l'impianto che i consulenti della procura di Milano, cioè Ignazio Arcuri e Stefano Martinazzo (ora anche consulenti della procura di Civitavecchia nell'inchiesta su Alitalia), avevano spiegato in una relazione tecnica. Le società che partecipavano alle aste avevano siglato un patto di segretezza per falsare le gare dei diritti audiotelevisivi. Ne erano stati stipulati diversi. Tra cui quello del 14 novembre 2011 tra Img e Mp & Silva Ltd che prevedeva che sarebbe entrato in vigore tra le parti a condizione che IMG (o sue controllate, collegate, affiliate o controllanti) acquisissero i diritti di trasmissione e di distribuzione del Campionato di Serie A - esercitabili in tutto il mondo fuorché l'Italia, San Marino e Città del Vaticano - per le stagioni sportive 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015. Oppure nel dicembre del 2011, appena la Lega calcio avrebbe assegnato a MP & Silva i diritti audiovisivi di Serie A. In quella relazione, si spiegava come fosse «del tutto evidente che fra Mp Silva Ltd, Be4 Sarl e, a seconda dei casi, con il top management di Infront Italy e Domino Holding Ltd, si sia instaurata una sorta di società di fatto, dal momento che l'accordo esistente nella distribuzione all'estero dei diritti audiovisivi relativi ai campionati di calcio italiani, prevedeva la condivisione dei costi di acquisizione, dei conseguenti margini e delle eventuali perdite»

«Infatti, per ogni procedura di gara, le evidenze indicano che le parti non hanno formulato in autonomia le proprie offerte» si legge nella sentenza del Tar «ma hanno invece realizzato condotte tese ad influenzare reciprocamente le modalità di partecipazione alle gare al fine di contenere l'ammontare dell'offerta economica da presentare alla Lega, limitando la reciproca competizione sul prezzo di acquisto dei diritti internazionali. In particolare, attraverso la stipulazione di contratti antecedenti alle singole gare e contatti intercorrenti fra i loro rappresentanti, Mp Silva, Img, B4 Capital/ Be4 Sarl/B4 Italia hanno coordinato il proprio comportamento e, a seguito dell'assegnazione, hanno ripartito i ricavi derivanti dalla successiva rivendita all'estero dei Diritti Tv per le competizioni organizzate dalla Lega».

Proprio nella relazione di Arcuri e Martinazzo si spiegava come ci fossero stati accordi che avrebbero danneggiato il sistema del calcio in Italia. «Appare evidente» si legge, «che l'invio della bozza del verbale da parte di Antonio d'Addio ( probabilmente presente il 2 novembre 2009 alle operazioni di apertura delle buste in qualità di legale dell'advisor della Lega calcio, Infront Italy) a Riccardo Silva, in via anticipata rispetto alle valutazioni e all'assegnazione dei diritti audiovisivi esteri da parte della Lega calcio, contenente dati relativi alle offerte economiche e alle valutazioni sugli eventuali elementi di difformità emersi, sia da considerarsi irregolare e in conflitto con i doveri di confidenzialità ai quali il legale di Infront Italy era tenuto».


Leggi l'articolo completo su «La Verità»


  • La serie A chiede 1,5 miliardi di euro per le gare dei diritti televisivi falsate tra il 2008 e il 2014, come confermato l'anno scorso dall'Antitrust. Fiorentina, Chievo e Torino vogliono 500 milioni.Nei prossimi giorni si attende una nuova sentenza del consiglio di Stato. A pesare però potrebbe essere l'archiviazione dell'inchiesta della procura di Milano.
  • La società qatarina Bein Sports lamenta l'assenza della nostra Serie A nel contrasto alla pirateria, in particolare contro i sauditi di BeoutQ che trasmettono illegalmente le partite delle nostre squadre di calcio.