Elezioni anticipate in Israele. Con Netanyahu o contro Netanyahu, come da noi ai tempi di Berlusconi

True

Il fatto che, a poche ore dalla votazione con cui la Knesset (il parlamento israeliano) ha chiuso in anticipo la ventesima legislatura per andare alle elezioni il 9 aprile, i militari dello Stato ebraico abbiano portato a termine raid sulla Siria e nuove operazioni nei tunnel di Hezbollah in Libano offre più di un indizio sulla prossima tornata elettorale. Sarà una campagna con la sicurezza di Israele come tema centrale. Tutti contro l'attuale numero uno anche se il solo a poter concorrere è Benny Gantz, ex capo dell'esercito che già gode di buoni sondaggi.

Papa Francesco ed Edgar Peña Parra (Ansa)
La grave condotta omosessuale del prelato è stata volutamente ignorata da una lobby che punta a rivoluzionare tutta la dottrina.
Barack Obama e Joe Biden (J. Scott Applewhite - Pool/Getty Images)
Per le posizioni chiave in materia di esteri e sicurezza sono quasi certi personaggi dal profilo bellicoso. Come Tony Blinken e Jake Sullivan, vicini all'ex presidente, fautori della politica di interventi in Medio Oriente.
In diretta dal lunedì al venerdì alle 7 del mattino e alle 7 di sera
Ascolta tutti i nostri podcast
Guarda tutti i nostri video

Scopri La Verità

Registrati per leggere gratuitamente per 30 minuti i nostri contenuti.
Leggi gratis per 30 minuti

Nuove storie

Trending Topics

Change privacy settings